“Io ti dico: tu sei pronto a una felicità incredibile?”

Con il senso di amicizia e condivisione delle dimensioni vissute da ciascuno,
di attese, di preoccupazioni, di ideali, insomma, della cultura che sorregge la vita,
cercando di essere consapevoli del travagliato tempo storico che stiamo vivendo,
a te, cui sempre inviamo notizie e proposte (sappiate che siete molti),
chiediamo di accogliere questo saluto e augurio per il Santo Natale,
che nasce dal desiderio di partecipare il cuore e il motivo del nostro agire.

 

donatello-particolare-madonna-pazzi

Sei pronto?
l’angelo sorride –
lo chiedo, anche se so
che certo tu sei pronto:
non parlo a chissà chi,
ma a te,
uomo il cui cuore non sa cosa sia il tradimento
verso il tuo Sovrano terreno,
che qui coram populo fu incoronato,
e verso un altro Signore,
il Re dei cieli, il nostro Agnello,
che muore nella speranza
che tu di nuovo mi oda;
e ogni giorno di nuovo,
e ogni sera
il mio nome rintocca nello scampanio qui,
in terra di superbo frumento
e uva luminosa,
e la spiga e il grappolo
assorbono il mio suono –
ma tuttavia
in questa rosea pietra sgretolata,
levando il braccio
scheggiato dalla guerra mondiale,
consentimi tuttavia di ricordarti:
sei pronto?
Alla peste, alla fame, al terremoto, al fuoco,
all’incursione dei nemici, all’ira che si abbatte su di noi?
Certo, è tutto importante, ma non è di questo che voglio
parlarti.
Non è questo che ho il dovere di rammentarti.
Non per questo sono stato inviato.
Io ti dico:
tu sei pronto a una felicità incredibile?

L’angelo di Reims, di Olga Aleksandrovna Sedakova,
letta al CMC il 4.12.2014
Donatello, Madonna Pazzi

 

donatello-madonna-pazzi

Donatello, Madonna Pazzi