LE STAFFETTE

Le Staffette indicano le prime copie -le copie staffetta- appena uscite dalla stamperia che anticipano quelle in libreria. La staffetta consegna una novità e la trasmette ai primi lettori.
Questa collana rappresenta infatti una corsa a conoscere, generata dalla gratitudine per quanto ricevuto in questi anni: parole, pensieri, riflessioni ospitate in un luogo di incontro, quale è stato ed è il Centro Culturale di Milano.
Come la staffetta sportiva si corre passando il “testimone”, così in questa collana trasmetteremo di argomento in argomento la stessa testimonianza: che la cultura nasce dalla vita e diventa gusto del vivere.
Il testimone passerà da temi della tradizione letteraria a dibattiti attuali, da intellettuali, docenti, artisti, scienziati che hanno accettato di percorrere, con coraggio e umiltà, la strada della cultura come ricerca del senso intero e totale in ogni ambito del sapere.
Questa corsa potrebbe non avere fine, come il desiderio di conoscere che auspichiamo sussista durante il corso dell’intera collana.

LewisDantePéguyTocquevilleEbook

Una luce inedita e intima del grande scrittore Clive Staples Lewis attraverso la testimonianza del più importante biografo e studioso, suo segretario, discepolo e amico Walter Hooper.

Ricordi, episodi evocati, passaggi e movimenti del pensiero ignoti o spesso trascurati del grande intellettuale affiorano in queste pagine componendo il ritratto della sua personalità. Decisivi per collocare il cammino culturale e spirituale di Lewis, il cui pensiero, acuto e originale, ha lasciato il segno nella storia dell’Occidente e in quella del suo discepolo. Hooper ci rivela un ritratto “intimo” del suo maestro attraverso il suo incontro durante la crisi esistenziale post bellica fino alla sua scelta per la Chiesa cattolica, avvenuta a seguito di un’inconsueta chiamata al telefono. “Era il Papa Giovanni Paolo II che mi invitava a pranzoAprii la porta … e vidi che era veramente come Aslan !”.
Capiremo così il rapporto tra la vita quotidiana di Lewis e la genesi dei pensieri, fino alle ragioni forte presa sui lettori e le persone che lo hanno incontrato nell’Europa del novecento

Leggendo queste pagine non è possibile ignorare quanto -colui che fu non solo il segretario, ma anche (e qui mi dovrà perdonare Walter, mai autocelebrativo) il migliore discepolo del grande letterato, scrittore e apologeta- abbia assunto lui stesso questi tratti” (dalla prefazione di C. M. Bajetta)”

Una prestigiosa e appassionata lettura della «Divina Commedia» che riscopre la ricchezza intellettuale e umana di Dante e il suo lascito d’esperienza. Con questo obiettivo il Centro Culturale di Milano pubblica i testi delle conferenze di maestri autorevoli e insuperabili che proprio questo segreto hanno sempre ricercato. Anna Maria Chiavacci Leonardi, Maria Corti, Ezio Raimondi, Cesare Segre, Etienne Gilson, provocano con grande vivacità la nostra intelligenza e il nostro sentire. Al loro rigore filologico si affianca la sensibilità e cultura di scrittori e traduttori, tra cui Luca Doninelli, Giuseppe Pontiggia, che indagano il senso e il laboratorio della scrittura dantesca. L’esilio, l’amore per Beatrice, il faticoso cammino alla ricerca del Bene e del Vero che stanno al centro del miracolo dantesco, riverberano l’inquietudine esistenziale e la certezza del sommo poeta. Scritti contemporanei di maestri che sanno farsi contemporanei a Dante, rilanciando a noi le sue domande e la legge profonda dell’esistenza, filtrando la sua originalissima varietà linguistica e retorica. Egli diviene così un nostro compagno di viaggio e il modo con cui ha affrontato gli snodi problematici della sua società si trasformano oggi in modello ed esempio.

«Péguy pone al centro della sua riflessione l’avvenimento, qualcosa che irrompe dall’esterno, di imprevisto: questo è il metodo supremo di conoscenza. L’uomo moderno rifiutando la realtà come si offre ai nostri occhi di carne, non tenta più di formarsi una ragione modellata sull’immagine del mondo, ma di costruire un mondo sull’immagine della ragione. L’esperienza viene abolita. Bisogna ridare all’avvenimento la sua dimensione ontologica di nuovo inizio».
Alain Finkielkraut

Questo volume, corredato da numerosi e autorevoli contributi e arricchito da molte immagini, è stato pensato per il centenario della morte dello scrittore francese, avvenuta nel 1914, e si presenta quale occasione privilegiata per scoprire Péguy.

Il libro presenta i testi scritti dagli autori che hanno dato vita al ciclo di conversazioni Che cos’è la democrazia? Lettura di Alexis de Tocqueville. Dalla democrazia in America alla democrazia in Europa: Angelo Panebianco, Francesco Forte, Sabino Cassese, Andrea Simoncini.

Che cos’è la democrazia? è stato ideato e promosso da Critica Sociale, Centro Culturale di Milano e Fondazione del Corriere della Sera.


Edizioni Pro Manuscripto

Dio e il dramma del mondoIl secolo dell'esilioImprese, corpi intermedi e statoLa piccola speranzaLa ragione convertitaLa svolta costantiniana

HANS URS VON BALTHASAR

Dio e il dramma del mondo
Edizione :Pro Manuscripto
“Dio e il dramma del mondo”.Andrebbe precisato meglio: vorrei parlare di come Dio entra nel dramma di questo mondo.

CZESLAW MILOSZ

Il secolo dell’esilio
Le poesie
Edizione :Pro Manuscripto

IMPRESE, CORPI INTERMEDI E STATO: NUOVI RUOLI PER LE NON PROFIT
Atti del Convegno
COMPAGNIA DELLE OPERE, PERSONE & IMPRESE, CENTRO CULTURALE DI MILANO
In collaborazione con SODALITAS

Le organizzazioni non profit possono rappresentare un’alternativa a un modello di Stato sociale che è miseramente fallito in questo ultimo decennio? Basta guardare all’esperienza britannica o a quella italiana: l’intervento dello Stato ha mostrato tutti i suoi limiti, il deficit pubblico si è accresciuto, il solco tra i cittadini e potere centrale si è approfondito. È in questo contesto che si apre un nuovo spazio per le non profit. L’esperienza consolidata delle non profit negli Usa costituisce da questo punto di vista un battistrada a cui non si può non guardare.
Gli atti del convegno che si è svolto a Milano, al Centro congressi Cariplo, il 17 gennaio 1996, promosso dalla Compagnia delle Opere e dal Centro culturale di Milano, sul tema “Imprese, corpi intermedi e Stato: nuovi ruoli per le non profit” sono un interessante contributo al dibattito sul non profit che si sta sviluppando in Italia. Di particolare rilievo, come indicazione di un possibile percorso, sono in questo senso gli interventi di due studiosi esperti del non profit negli Usa, i professori Roy Sparrow e Robert Berne della New York University. Gli atti del convegno sono stati integrati anche col dibattito che si è svolto durante il seminario promosso lo stesso giorno da Sodalitas presso la sede di Assolombarda e che ha visto la partecipazione dei due esperto statunitensi. Dai loro interventi traspare il ruolo centrale che il non profit è chiamato a svolgere in una società democratica.

CENTRO CONGRESSI CARIPLO, 17 gennaio 1996, Milano, Pro Manuscripto

ANDREA MARIA CARABELLI musica di PIPPO MOLINO
La piccola speranza
Melologo teatrale
Tratto da Le porche du mystère de la deuxième vertu
Di Charles Péguy
Edizione :Pro Manuscripto
E’ più facile disperare, ma è più umano sperare. Uno spettacolo che invita a sperare trovando una ragione che possa sostenere fino in fondo la speranza dell’uomo.
“Ma la speranza non va da sé. La speranza non va da sola. Per sperare, bimba mia, bisogna essere molto felici, bisogna aver ottenuto, ricevuto una grande grazia”

(Charles Péguy)

LA RAGIONE CONVERTITA

Seminario di studi su Henry de Lubac
Questa edizione degli Atti del Seminario di Studi su Henry Lubac presenta gli interventi, rivisti dagli autori, nel loro ordine di successione e il dialogo con il pubblico, mantenendo la forma originale di conversazione.
Le giornate di studio si sono svolte con il contributo del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali.
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1993, Pro Manuscripto

Marta Sordi, LA SVOLTA COSTANTINIANA

Siamo alle soglie della celebrazione del 1700° anniversario di una svolta epocale nel febbraio del 313 l’imperatore Costantino e Licinio emanato l’editto di Milano che concede per la prima volta la libertà religiosa a tutti i sudditi dell’impero, in primo luogo ai Cristiani.
Tale evento è al centro, nel momento in cui scriviamo, della mostra “Costantino” realizzato dal Museo Diocesano a Palazzo Reale, mentre nel corso del 2013 sono previsti diversi convegni scientifici a Milano e in Italia.
Il Centro Culturale di Milano – insieme ad un ciclo di incontri internazionali significativamente intitolato “L’Editto di Milano. Oltre la tolleranza: libertà e diritto alla verità” – desidera offrire e suggerire ai più la lettura di un testo fondamentale e insuperabile che rende ragione della portata e delle conseguenze di quel fatto storico.
“La svolta costantiniana” di Marta Sordi che qui presentiamo (senza l’apparato delle note), costituisce il capitolo centrale del suo libro “I Cristiani e l’impero romano” ed è stato gentilmente concesso, per questa pubblicazione, dalla casa editrice Jaca Book.

La piccola edizione rappresenta così anche un omaggio alla grande studiosa dell’Università Cattolica di Milano che tanto si è appassionata a questo evento e periodo storico, chi invita a rendercene lettori.
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 2013, Pro Manuscripto


GESU’ CRISTO, Corso di Catechesi per Adulti 1980-81

Cristo uomo nuovoL'uomo nuovosuscitato da CristoLa singolarità di Cristo
CRISTO UOMO NUOVO
Di Mons. Enrico Galbiati
Lezione 4 dicembre 1980
GESÙ CRISTO, Corso di catechesi per adulti 1980-1981
CENTRO CULTURALE SAN CARLO, 1980, Pro Manuscripto

L’UOMO NUOVO SUSCITATO DA CRISTO
Di Mons. Enrico Galbiati
Lezione 8 gennaio 1981
GESÙ CRISTO, Corso di catechesi per adulti 1980-1981
CENTRO CULTURALE SAN CARLO, 1981, Pro Manuscripto


LA SINGOLARITÀ DI CRISTO
Seconda Parte
Di Mons. Giacomo Biffi
GESÙ CRISTO, Corso di catechesi per adulti 1980-1981
CENTRO CULTURALE SAN CARLO,  Pro Manuscripto

La storia della Carità nei secoli

Cultura, Religione e Trasformazione SocialeLa Carità a Milano nei secoli XII-XVLa città e i poveri

AA.VV., CULTURA, RELIGIONE E TRASFORMAZIONE SOCIALE
Milano e la Lombardia dalle riforme all’unità
A cura di Marco Bona Castellotti, Edoardo Bressan, Camillo Fornasieri, Paola Vismara

Questo volume raccoglie venticinque contributi che abbracciano un arco cronologico compreso fra l’avvio delle Riforme settecentesche e la vigilia dell’Unità nazionale. Si tratta di un significativo momento di sintesi nel quadro di una riflessione storiografica avviata da tempo, ma che di recente ha conosciuto ulteriori approfondimenti. L’àmbito lombardo ha fornito non pochi elementi di novità, sia sul piano dei mutamenti sociali e istituzionali, sia su quello dei loro riferimenti culturali e religiosi.
Le diverse parti del volume mettono in luce differenti aspetti di un processo di trasformazione, che ha segnato in modo irreversibile la società lombarda nel passaggio da una società ancora leggermente improntata al modello cetuale e corporativo ad una società in via di modernizzazione. Il rapporto fra Stato e società civile appare, in questo senso, centrale, anche nei sui esiti nel piano locale, sulla formazione di una classe dirigente, sulle relazioni sociali nel loro insieme. L’apporto della Chiesa e del nascente mondo cattolico s’inserisce a sua volta in tali dinamiche, con una capacità di proposta non legata, in terra lombarda, a schemi confessionali.
Se la realtà milanese occupa un rilievo particolare, un’attenzione non certo secondaria è stata riservata allo spazio regionale, dai territori già veneti alla Svizzera Italiana. La storia delle istituzioni assistenziali e sanitarie si lega intenzionalmente a quella delle idee politiche e sociali, del pensiero medico, di una letteratura attenta all’impegno civile e, non ultima, di una spiritualità che nella dimensione caritativa trova un riferimento essenziale.

Franco Angeli, 2007, Milano, € 40,50

AA.VV., LA CARITÀ A MILANO NEI SECOLI XII-XV
A cura di Maria Pia Alberzoni e Onorato Grassi
Autori:
Pietro Zerbi, Giorgio Cracco, Annamaria Ambrosioni, Giorgio Picasso, Franco Dal Pino, Augusto Marinoni, Gigliola Soldi Rondinini, Giuliana Albini, Maria Luisa Gatti Perez, Chiara Maggioni, Cecilia Piacitelli, Renato Mambretti, Maria Pia Alberzoni, Angelo Borghino, Roberto Perelli Cippo, Bruno Viviano, Maria Antonietta Crippa, Danilo Zardin, Aldo De Maddalena.

Quando, a partire dal XII secolo, si affermò un rinnovamento economico dell’Occidente, si venne a creare una vera e propria rivoluzione della carità e prese forma quella che può essere definita una spiritualità della beneficenza, indubbiamente favorita da una viva devozione a Cristo, strettamente legata agli aspetti salienti della sua umanità. In tutto l’Occidente, così, fiorirono in modo straordinario fondazioni ospedaliere e caritatevoli.
Ciò accadde anche a Milano. Le iniziative già avviate nei secoli precedenti vennero incrementate e ne sorsero di nuove: particolare attenzione venne dedicata oltre che dagli arcivescovi e dal clero milanese anche dalle istituzioni monastiche, nonché, con uno slancio fino allora sconosciuto, dai laici. Si incrementò, in tal modo, il proposito di lottare efficacemente contro la miseria e di entrare in rapporto con coloro che necessitavano di maggiore attenzione, i poveri, i pellegrini, gli orfani, le vedove, dando nuovi connotati alla solidarietà cristiana.
I testi raccolti in questo volume, presentati in occasione di un convegno promosso dal Centro Culturale San Carlo, portano un contributo alla conoscenza di un aspetto di grande interesse per la storia della spiritualità medioevale e di indubbia importanza per la città di Milano. Offrono anche una possibilità di sviluppo e di approfondimento su un tema oggi assai dibattuto e carico di significative prospettive di lavoro.

JACA BOOK, 1989, Milano, € 17,56

AA. VV. – LA CITTA’ E I POVERI
Milano e le terre lombarde del Rinascimento all’età spagnola
A cura di Danilo Zardin
Autori:
Giuliana Albini, Angelo Bianchi, Giorgio Cosmacini, Stefano D’Amico, Claudia di Filippo Bareggi, Giuseppe Farinelli, Angelo Giorgio Ghezzi, Mina Gregori, Giovanni Liva, Paolo Pissavino, Luigi Prosdocimi, Brian Pullan, Flavio Rurale, Lucia Sebastiani, Angelo Turchini.
Fra Quattro e Cinquecento, nel momento in cui il mondo europeo si apre a nuove forme di sensibilità e a nuovi orizzonti di vita politica e sociale, il problema degli atteggiamenti da assumere di fronte alla sempre più evidente presenza di poveri ed emarginati si pone in termini inediti.
Anche nel territorio lombardo ci troviamo davanti a uno sforzo creativo che, rielaborando il patrimonio della tradizione assistenziale medievale, muove dai ceti sociali più agiati, dalla rete delle corporazioni e delle confraternite religiose, dalla trama minuta delle istituzioni ecclesiastiche. Un dinamismo diffuso e capillare che i poteri della società civile e le autorità della Chiesa si propongono di incanalare e regolamentare, ma anche di difendere e di incentivare, nel quadro di un sistema caritativo che, via via caricandosi di accenti nuovi durante l’età della Controriforma e il lungo dominio spagnolo, puntava alla costruzione di una convivenza il più possibile pacifica e ordinata.
Il volume raccoglie i testi del Convegno del Centro Culturale di Milano (già Centro Culturale San Carlo), che ha portato un nuovo contributo alla conoscenza della storia del popolo e delle istituzioni milanesi e lombarde a partire da quella Storia della Carità capace di suggerire criteri nuovi e pertinenti per una realtà sociale più autentica e ospitale.


Le Nuove meraviglie di Milano

Milano è una cozzaMichetta addioVacanze milaneLa zona degli asteroidi

Le nuove meraviglie di Milano
“Milano è una cozza”
Storie di trasformazioni (I vol.)
Introduzione di Giulio Sapelli
A cura di Luca Doninelli
“Le nuove meraviglie di Milano” è una Collana e un progetto a cura del CMC, una sfida narrativa di Luca Doninelli che, insieme a diversi Autori, racconta per la prima volta la metropoli contemporanea.

“Milano è una cozza signore, brutta come una cozza, ma poi è anche buona come una cozza. Anzi, signore, Milano è un chilo di cozze che prima ne prendi una, poi un’altra, poi un’altra ancora e non ti fermi più”.
Con Milano è una Cozza si apre la collana che nasce dai lavori della Scuola di Scrittura Flannery O’ Connor promossa dal C.M.C. Raccoglie il racconto plurale, infinitesimale, della città e del suo territorio, dall’interno delle sue biografie, partendo cioè dalla ferita, o dai desideri, o dai sogni che i cambiamenti sociali, economici e culturali determinano in un persone che per una scommessa si sono trasformati in narratori.

GUERINI E ASSOCIATI, 2010, Milano, € 14,50 

Le nuove meraviglie di Milano
“Michetta addio”
Milano: Storie di una città madre (II vol.)
A cura di Luca Doninelli
Prefazione di Salvatore Carrubba
“Le nuove meraviglie di Milano” è una Collana e un progetto a cura del CMC, una sfida narrativa di Luca Doninelli che, insieme a diversi Autori, racconta per la prima volta la metropoli contemporanea.

Nell’incrocio, nel groviglio di problemi e interessi che interessano il nostro mondo a livello globale, secondo quali parametri si può definire “grande” una città? O meglio, “una metropoli, ossia: città madre, una città che lascia un segno indelebile sui propri figli? Un segno di originalità, di somiglianza, una comunanza genetica, antropologica e culturale incancellabile.
La risposta è contenuta in questo secondo volume de “Le nuove meraviglie di Milano”. In un processo di globalizzazione che porta alla moltiplicazione indefinita della domanda e dell’offerta (la vecchia michetta lascia il posto alla varietà dell’assortimento dei pani), alla omologazione che nel tempo renderà uguali tutte le città, chiamiamo “grande “una città che dal proprio seno sa trarre gli anticorpi a questo processo polverizzante, producendo delle controtendenze.

GUERINI E ASSOCIATI, 2011, Milano, € 14,50

Le nuove meraviglie di Milano
“Vacanze milane”
Città della cura, cura della città (III vol)
Prefazione di Giacomo Poretti
Postfazione di Riccardo Bonacina
A cura di Luca Doninelli
“Le nuove meraviglie di Milano” è una Collana e un progetto a cura del CMC, una sfida narrativa di Luca Doninelli che, insieme a diversi Autori, racconta per la prima volta la metropoli contemporanea.

Riconoscere i segni dell’originalità che sta alla radice della città come fenomeno non solo storico ma anche antropologico è oggi più difficile. La crisi che il mondo sta attraversando è anche e soprattutto una crisi del patto sociale, una crisi della convivenza, una difficoltà profonda a rispondere alla domanda: cosa ci tiene insieme?
Sognare una Milano con i Navigli a cielo aperto e riempirla di grattacieli senza nesso con la storia della città, vagheggiare una città a misura d’uomo identificata con la lentezza o la rarefazione del traffico sono aspetti, uguali e contrari, di un unico nodo irrisolto, che abbiamo identificato con il problema della cura. Della cura della città e della cura della singola persona, perché è nella cura della persona il termometro della cura della collettività.
Siamo persuasi, e questo libro di racconti lo descrive, che questo sia il problema culturale su cui si deciderà, negli anni a venire, l’identità milanese.
Sono le “vacanze milane” in cui si imparerà cosa sia una metropoli dei nostri giorni per chi vi si trova all’improvviso e senza legami ma può scoprire il dono, non troppo nascosto, che la abita.

GUERINI E ASSOCIATI, 2012, Milano, € 14,50

Le nuove meraviglie di Milano
“La zona degli asteroidi” (IV vol)
L’università e la città. Due mondi paralleli.
A cura di Luca Doninelli
Prefazione di Mauro Magatti
“Le nuove meraviglie di Milano” è una Collana e un progetto a cura del CMC, una sfida narrativa di Luca Doninelli che, insieme a diversi Autori, racconta per la prima volta la metropoli contemporanea.

La scommessa narrativa di Luca Doninelli continua. Ecco il IV volume della collana “Le nuove Meraviglie di Milano, dedicato al rapporto tra università e città.
La maggior parte delle storie qui raccolte ruotano attorno alla diversità e capacità dei luoghi universitari di produrre e alimentare un’antropologia a parte. Persone che ci vivono o potrebbero viverci dentro o durante, o a vita, perché in quel tempo si concentrano i ricordi più belli, le amicizie, gli amori.
Come un novello Bonvesin della Riva, Doninelli ci regala un grande affresco insieme agli scrittori della Scuola Flannery O’Connor e del Corso di Etnografia narrativa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, da lui guidati.

GUERINI E ASSOCIATI, Milano, 2014, € 14.50


Libri raccolte fotografiche

Walter RosenblumUgo ZovettiPablo Ortiz MonasterioEdward BurtynskyRagnar AxelssonGiulio di SturcoLewis Wickes HineStefano RobinoEugene Smith

Quaderni del CMC
Walter Rosenblum, In cerca di Pitt Street. Vivere a New York 1938-1980
In copertina: Il gioco del “Mondo”, 105th Street. New York. 1952
A cura di Enrica Viganò

Prima pubblicazione della collana Quaderni CMC, il libro Walter Rosenblum, In cerca di Pitt Street. Vivere a New York 1938-1980 riunisce tutte le fotografie della omonima mostra, accompagnate da un testo critico a cura di Naomi Rosenblum, storica della fotografia e moglie di Walter, e da un’intervista di Enrica Viganò risalente agli anni appena precedenti alla sua scomparsa.
La selezione di fotografie va dal 1938 al 1980 e ci presenta immagini scattate in vari quartieri della città di New York: Pitt Street, la 105th Street e il Bronx. Per Walter Rosenblum la dignità è un sentimento universale: non si possono fare differenze tra gli uomini in base alla razza, alla nazionalità, alla religione o alle condizioni economiche. Questo credo ha fatto da filo conduttore per tutta la sua vita e il suo percorso fotografico. Il risultato sono immagini che trasmettono un’intensa umanità, unita alla profonda considerazione delle persone ritratte.
In cerca di Pitt Street è un messaggio che viene dal cuore, uno sforzo per integrare il rispetto nei confronti di tutte le possibilità offerte dal mezzo fotografico con un’incrollabile fiducia nelle potenzialità dell’uomo, che si trova nella poesia della vita di tutti i giorni (Naomi Rosenblum).

Admira Edizioni, Milano 2007, € 28,00

Quaderni del CMC
Ugo Zovetti, Metamorfosi di una città. Milano 1958-2008
In copertina: Venditore di pere cotte, Milano, anni ‘50
A cura di Enrica Viganò

Seconda edizione per la collana editoriale I Quaderni CMC: una visione intensa e originale della città di Milano attraverso le immagini di Ugo Zovetti che vanno dal 1958 al 2008. Un “romanzo” di fotografie che racconta la storia della città dal dopoguerra fino ai giorni nostri.
Zovetti nel suo percorso ha sviluppato temi diversi, mantenendo uno sguardo costante sui volti degli uomini, quegli specchi dell’anima che raccontano una civiltà. Per cinquant’anni ha colto gesti ed espressioni dei suoi concittadini, riportando uno spaccato dell’umanità milanese ricco di partecipazione emotiva. È significativo il fatto che ancora oggi all’età di 92 anni continui a uscire per le strade della sua città, con la sua Rolleiflex 6×6 al collo, per cogliere “di sorpresa” le manifestazioni di una società che cambia pur mantenendo le radici nella sua storia.

Admira Edizioni, Milano 2008, € 28,00

Quaderni del CMC
Pablo Ortiz Monasterio, L’ultima città
In copertina: Pirù, 1989
A cura di Enrica Viganò
Un ritratto in bianco e nero della città più estesa e popolata del mondo, sopravvissuta al terremoto del 1985, dove vivono 20 milioni di persone, dove si intrecciano e addensano problemi tra sviluppo e arretratezza, tradizione e modernità: Città del Messico.
Pablo Ortiz Monasterio ce la mostra in tutta la sua verità, con gli occhi di un amante severo, che indaga e svela senza mai puntare il dito, portandoci per mano in un mondo forse solo apparentemente così diverso dal nostro.
Si completa così la trilogia de I quaderni CMC sul concetto di “città”, raccontato attraverso la vita delle persone che la abitano e attraverso il confronto di tre continenti, ma tenendo sempre la bussola puntata sull’essere umano.

Admira Edizioni, Milano 2009, € 28,00

Quaderni del CMC
Edward Burtynsky
L’uomo e la terra. Luci e ombre
In copertina: Residui di nichel n. 31. Sudbury, Ontario, Canada, 1996
A cura di Enrica Viganò
Quarto volume della collana editoriale I Quaderni CMC, L’uomo e la terra. Luci e ombre raccoglie le immagini dell’omonima mostra e si propone di dare un assaggio della magistrale produzione di Edward Burtynsky. Le immagini sono suddivise in due grandi macrogruppi “IN” e “OUT” per sottolineare uno dei concetti centrali della poetica di Burtynsky: a ogni atto di creazione dell’uomo corrisponde un atto di distruzione in natura.
Quando da giovane arriva per la prima volta a Toronto, Burtynsky rimane così colpito dai possenti grattacieli della city che gli viene subito in mente che quegli enormi solidi, per essere prodotti, dovevano in qualche modo corrispondere a dei buchi sparsi in chissà quale parte del mondo. Questa visione ha condotto il suo obiettivo attraverso i cinque continenti, alla ricerca dell’origine delle cose, tra grandi giacimenti di minerali, raffinerie di petrolio, cantieri di riciclaggio, miniere sterili e cave di estrazione. Luoghi tutti al di fuori della nostra normale esperienza, ma i cui frutti popolano la nostra quotidianità. Burtynsky dà voce a questi beni a servizio della nostra realizzazione e ci mostra parimenti il degrado causato dal desiderio dell’uomo quando è asservito alle potenze dello sfruttamento e della distruzione.

Admira Edizioni, Milano 2011, € 28,00

Quaderni del CMC
Ragnar Axelsson
Immenso e fragile. Un racconto dal nord
In copertina: Garðakot, Mýrdalur, Islanda 1995
A cura di Enrica Viganò
Quinto volume della collana editoriale I Quaderni CMC, Immenso e fragile. Un racconto dal nord raccoglie le immagini dell’omonima mostra di Ragnar Axelsson. Il libro, introdotto da un testo di John Waters, scrittore ed editorialista The Irish Times, e da una lunga intervista di Enrica Viganò al fotografo, è diviso in tre sezioni: “Tra la gente del nord” e “Nel paesaggio immenso” ci mostrano i volti e i luoghi di queste terre estreme; “Sui monti d’Islanda” raccoglie alcune delle immagini più significative della serie inedita dedicata alla transumanza delle greggi.
Le opere di Ragnar Axelsson sono un percorso nell’arco di un trentennio tra i ghiacci e le terre di Groenlandia, Islanda e Isole Faroe. Ci raccontano di villaggi ormai scomparsi, di intere comunità ridotte a due soli anziani che resistono in una grande casa scaldando una sola stanza, di mestieri che nessuno fa più e di uomini che lottano per la sopravvivenza quotidiana, persone che vivono grazie e nonostante la natura che li circonda. Ma delle fotografie di Axelsson, che è riuscito a cogliere le atmosfere di un mondo ai confini del mondo, emerge soprattutto la meravigliosa umanità che ha incontrato lungo le piste delle regioni artiche che diventano uno scenario incantato in cui si muovono personaggi rubati alla mitologia.

Admira Edizioni, Milano 2011, € 28,00

Quaderni del CMC
Giulio Di Sturco, Fratello fiume. Lo scorrere delle acque nel destino dell’uomo
In copertina: Devota indù compie le abluzioni sacre nelle acque del Gange a Varanasi, in cui ogni fedele vorrebbe fossero gettate le proprie ceneri. India, 2008
A cura di Enrica Viganò
Con la presentazione del lavoro fotografico sul Gange di Giulio Di Sturco si conclude la trilogia che il CMC e Admira hanno dedicato all’ambiente e alle sue trasformazioni. Giulio Di Sturco, vincitore del World Press Photo Award nella categoria Arts and Entertainment nel 2008 e di altri importanti riconoscimenti quali il Sony World Photography Award, a soli 33 anni, è già diventato una delle voci più rappresentative del nuovo reportage italiano. Il Gange, fiume intimamente connesso con ogni singolo aspetto della vita degli Indiani, è un esempio lampante della contraddizione irrisolta tra l’uomo e l’ambiente. È fonte di acqua, energia e sostentamento per milioni di persone e, nonostante ciò, è uno dei fiumi più inquinati al mondo a causa dei rifiuti tossici che ogni giorno vengono riversati nelle sue acque. Oltre all’inquinamento, l’uomo ha contribuito a peggiorare l’ecosistema anche con la costruzione di dighe o argini non propriamente a norma, la cui rottura nel 2008 ha causato una delle più terribili inondazioni sofferte dall’India, nella regione del Bihar, a causa dello straripamento del fiume Kosi, affluente del Gange. Il suo stile raffinato traduce la realtà in immagini emblematiche, che si fanno portavoce di situazioni vere e sentimenti profondi imprimendosi nella memoria di tutti noi.
La straordinaria capacità di Giulio Di Sturco di cogliere l’essenza delle storie che racconta si ritrova in ognuna di queste fotografie.

Admira Edizioni, Milano 2012, € 20,00

Quaderni del CMC
Lewis Wickes Hine, Costruire una nazione: geografia umana e ideale
A cura di Enrica Viganò
Questo nuovo Quaderno del CMC include, oltre alle fotografie di Lewis W. Hine, gli interessanti saggi di Mario Calabresi, direttore de La Stampa, e di Nicolò Leotta, docente di Turismo Urbano e Sociologia Visuale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.
Le opere pubblicate, provenienti dalla collezione della famiglia Rosenblum di New York, il più consistente fondo archivistico di stampe vintage di Hine in mani private, ci permette di approfondire il lavoro del padre della fotografia sociale. Nel volume sono inclusi alcuni dei lavori più famosi: dalla memorabile serie dedicata alla costruzione nel 1930 dell’Empire State Building, di cui è stato il fotografo ufficiale, ai toccanti ritratti di bambini al lavoro in contesti degradati, come fabbriche, miniere o campi di cotone, passando per gli immigrati in arrivo negli Stati Uniti in cerca di una vita migliore. Le sue fotografie sono risultate utili strumenti per promuovere riforme sociali e istituzionali e per la creazione di nuove leggi soprattutto contro lo sfruttamento del lavoro minorile nella grande America che stava crescendo.
In queste fotointerpretazioni o documenti umani, con i quali Hine ha mostrato i problemi sociali all’intera comunità, troviamo, paradossalmente, quel senso di stupore e rispetto per la grandezza all’animo umano che suggerisce una visibile possibilità di unità nella società.

Admira Edizioni, Milano 2013, Euro 28,00

Quaderni del CMC
Stefano Robino, Il fare, il limite, la bellezza. Alle origini di un’Italia industriale
In copertina: Ferriera, 1952
A cura di Enrica Viganò
Gli scatti di Stefano Robino ci guidano nella seconda tappa della trilogia dedicata a “L’uomo e il fare”, ottavo appuntamento della collana I Quaderni CMC. Robino, che è stato responsabile fotografico e pubblicitario della FIAT Grandi Motori a Torino e Trieste, ci rende testimoni, attraverso una prospettiva insolita e privilegiata, di un viaggio visivo nel fulcro del panorama industriale dell’Italia del secondo dopoguerra. Le immagini di fabbriche e scorci urbani si intrecciano con i profili delle persone che li popolavano, in un’indagine fotografica dove le proporzioni tra la preminenza della figura umana e il ruolo di sfondo degli elementi industriali risultano curiosamente invertiti. Questo nuovo equilibrio dà luogo a composizioni estremamente potenti eppure dotate di un’armonia stupefacente, in cui lo sguardo attento di Robino riesce a racchiudere alcuni dei cambiamenti più significativi dell’epoca.

Edizioni Admira, Milano 2014, € 28,00

Smith ha abbracciato con passione e originalità i periodi della depressione, della guerra, della ricchezza del dopoguerra e quello della disillusione, lavorando in quattro continenti, amando la realtà e la vita, dai personaggi importanti alla gente comune. Inventore e maestro indiscusso del photo-essays, dove la persona fa la storia e l’atto di vita incontrato diviene universale e simbolico, la fotografia per lui è “una piccola voce” per “farci prendere coscienza di un avvenimento”.
Un fotografo e un uomo necessario al nostro tempo.
Per questo la Mostra inaugura la nuova sede del CMC, nel cuore della città.
Una serie di incontri con fotoreporter e giornalisti – tra cui Mario Calabresi, Massimo Bernardini, Franco Pagetti – sulla funzione dell’immagine e dell’informazione oggi, accompagna l’Esposizione.
“Getto il mio amore dalla finestra e mi chiedo chi lo accoglierà – ho preso tutto con grazia e con destrezza di mano, cullando segretamente tutto ciò che ho ricevuto dagli sconosciuti donatori. Qual è il motivo di questo fascino?”
Eugene Smith


Officina del racconto

Due parole sul metodoIl segnoIl piacere della metaforaIl linguaggioLa parolaI nomi

Luca Doninelli, DUE PAROLE SUL METODO
Officina del racconto, 1a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto

Luca Doninelli, IL SEGNO
Officina del racconto, 2a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto

Luca Doninelli, IL PIACERE DELLA METAFORA
Officina del racconto, 3a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto

Luca Doninelli, IL LINGUAGGIO
Officina del racconto, 4a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto

Luca Doninelli, LA PAROLA
Officina del racconto, 5a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto

Luca Doninelli, I NOMI
Officina del racconto, 6a lezione
CENTRO CULTURALE DI MILANO, 1998, Pro Manuscripto


Rivista SYNESIS

SYNESIS anno III, 1986SYNESIS anno IV, 1987SYNESIS anno V, 1988SYNESIS anno VI, 1989SYNESIS anno VII, 1990SYNESIS, anno VIII, 1991SYNESIS, QUADERNI

LA PACE E LA GUERRA GENETICA E ETICA
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno III, n.4, 1986
Interventi:
LA PACE E LA GUERRA
Ugo Amaldi, L’iniziativa di Difesa Strategica
Francesco Calogero, La relazione strategica fra le due superpotenze: vi è un’alternativa alla dissuasione?
Julien Ries, L’alba di un nuovo umanesimo. Assisi, 27 ottobre 1986
Irina Alberti, La Russia di Gorbacev
Gabriele Zanetto, Energia e sviluppo. I limiti dell’artificializzazione dell’ecosistema
GENETICA E ETICA
Jérome Lejeune, Genetica, etica e manipolazioni
AIC 1986


L’UOMO E LE SUE ESPRESSIONI SYNESIS
periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno IV, n.3/4, 1987
Interventi:
J. Reis, Comparsa e progresso dell’Homo religiosus. Le prime esperienze del sacro
J.C. Eccles, L’effetto del pensiero silenzioso sulla corteccia celebrale
E. Rigotti, Implicanze antropologiche di alcune concezioni correnti del rapporto fra lingua e testo
F.T. Arecchi, I simboli e la realtà
P.L. Cerisola, La critica strutturalistica
AIC 1987

LA MENTE UMANA SYNESIS
periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno IV, n.2, 1987
Interventi:
Yves Coppens, Mente e cervello: la prospettiva paleontologica
Günter Rager, Mente e cervello: prospettive neurologiche
Michele Zoli – Luigi Agnati, Alcune considerazioni sulla struttura e la funzione del sistema nervoso centrale
Leonardo Ancona, L’io mentale
Giuseppe Trautteur, Intelligenza umana e intelligenza artificiale
Kurt Hübner, Razionalità scientifica e non scientifica. La moderna indagine sul mito: una rivoluzione ancora sconosciuta

L’UOMO PROTAGONISTA DELL’ECONOMIA CHE CAMBIAMercoledì Economici
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale
Anno IV, n° 1, 1987
Interventi di Marco Martini,Lanfranco Senn, Piergiorgio Berra, Innocenzo Gasparini, Beniamino Andreatta, Mario Monti, Giancarlo Mazzocchi, Romano Prodi, Achille Ardigò
AIC, 1987
ESISTENZA E DESTINO
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno V, n.1, 1988
Interventi:
L. Giussani, Libertà e potere
J.Ries, Homo religiosus e Homo christianus. L’esperienza vissuta del sacro
E. Boné, La religione dell’uomo preistorico
G. Sommavilla, Letteratura e senso religioso
H. Kunisch, il “testamento” di R.M. Rilke. Il “mandato della terra” la vocazione del poeta
A. Quinn, Dalla Lituania alla Baia di San Francisco. Czeslaw Milosz: la “voce del poeta” tra Oriente e Occidente
J. Martínez Fernandez, Cattolicesimo e società nella Spagna contemporanea
AIC 1988
NATURA E TECNICA
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno V, n.2/3, 1988
Interventi:
V. Belohradsky, I sonnambuli della crescita
L. Moulin, Tecnica e cristianesimo
V. Ingegnoli, Interazione Uomo-Natura e studio sistemico dell’ambiente
S. Crespi Reghizzi, Il software come patrimonio culturale
M. De Bortoli, L’inquinamento dell’aria negli spazi abitati
A. Quadrio Curzio, Quali limiti allo sviluppo economico?
G. Blangiardo, Aspetti demografici e sviluppo economico
C. Lombardi, Risorse energetiche e sviluppo
P. Lo Nostro, Riflessioni sull’impegno ecologico
A. Sicari, L’uomo redento: la prima risorsa ambientale
AIC 1988

A DIECI ANNI DALLA “REDEMPTOR HOMINIS”

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno VI, n.1/2, 1989
Interventi:
A. Sicari, La nuova prospettiva della Redemptor Hominis
A. Scola, Con Cristo al cuore dell’uomo. L’antropologia cristocentrica della Redemptor Hominis
S. Grygiel, La Redemptor Hominis e la libertà della persona
E. Babini, Gesù Cristo: centro del cosmo e della storia
G. Marengo, La Redemptor Hominis al centro del magistero di Giovanni Paolo II
B. Testa, La Chiesa soggetto sociale della responsabilità per la verità divina
A. Busetto, La Chiesa-missione nella Redemptor Hominis
L. Melina, La Chiesa come “communio personarum” e la Redemptor Hominis
AIC 1989

FORME DELLA RAGIONE

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VI, n° 3, 1989

Interventi:
Il destino della ragione, Jean Ladrière
La ripresa della tradizione retorica, Arthur Quinn
Panis angelorum: Dante e la forma della Ragione, Alberto Brasioli
Ragione ed esperienza, Angelo Campodonico
Valori comuni e “pretesa” cristiana, Jacques Servais

AIC, 1989

 

IMMAGINI DELL’UOMO DEL XX SECOLO
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Anno VI, n.4, 1989
Interventi:
C. Milosz, L’erosione dell’immaginazione religiosa
D. Barsotti, Clemente Rebora, un simbolo dell’uomo moderno
P. Poupard, Senso religioso, cristianesimo e nichilismo contemporaneo
I. de la Potterie, La gnosi: il percorso delle origini
C. Sini, Ragione e libertà dal punto di vista di un laico
S. Jakim, Cosmologia e religioneAIC 1989

 

 

LA FINE DEL MODELLO COMUNISTA

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VII, n° 1, 1990

Interventi:
La lenta fine dell’ideologia, Jan Chrapek
Il Comunismo è finito?, Piotr Nitecki
Lutto o melanconia, Giacomo B. Contri
Denominarsi per esserci, Eddo Rigotti
Rivoluzione e felicità politica, Gianfranco Dalmasso
Karl Marx – Il lavoro senza soggetto, Sergio Belardinelli
Costruire Dio, rifare l’uomo, trasformare il mondo: sogno e realtà del marxismo in Russia, Vittorio Strada
Il dissenso: dalla tecnologia del potere alla legittimità del politico, Vaclav Belohradsky
Il realismo socialista, Maria Grazia Schinetti

AIC, 1990

 

 

LA SFIDA DELL’ISLAM

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VII, n° 2, 1990

Interventi:
Cristianesimo e Musulmanesimo: due fedi a confronto, Maurice Borrmans
L’Islam a Sud del Sahara, Gabriele Crespi
Dogma islamico e Problemi di storiografia, Mostafa Vaziri
La guerra civile europea, Ernest Nolte
Uomo e destino. Il viaggio di una generazione, Mario Luzi
La cognizione nei primati: dalla rappresentazione al linguaggio, Jacques Vauclair

AIC, 1990

L’INTELLETTUALE

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VII, n° 3/4, 1990

Interventi:
Antigone, Suarez, Maritain. Una questione, Giacomo B. Contri
L’eclissi dell’intellettuale, Salvatore Abbruzzese
Cultura e “Questione Cattolica” in Italia: una retrospettiva, Evandro Botto
Gli intellettuali e la Chiesa, Saverio Vertone
Origini e sviluppo dell’Intelligencija in Russia, Jurij Malcev
Influssi gnostici su intellettuali ed artisti: il caso di Monte Verità, Pietro Ortelli
L’umanesimo in azione. Religione, cultura e politica nell’Islam, Samir Khalil Samir, SJ
John Henry Newman: la sua incidenza nella vita della Chiesa, P. Fidel Gonzalez Fernandez
Metafisica creazionistica di Severino Boezio e la sua influenza nel pensiero di Leibniz, Vittorio Banfi

AIC, 1990

ORGANIZZAZIONE E DOMANDA, ALLEGRIA DI DIO

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VIII, n° 1, 1991

Interventi:
Abbozzo di analisi semantica di una parola prestigiosa, Eddo Rigotti
Della pratica, Elio Marotta, Antonio Casella
Il feticismo della legge e la polemica sull’interpretazione, Serenella Armellini
L’organizzazione del sistema religioso nel pensiero di Niklas Luhmann, Sergio Belardinelli
Organizzazione e domanda nel linguaggio, Eddo Rigotti
Organizzazione e libertà nella lingua, Lorenzo Cantoni
Il sistema come fonte del senso, Raffaela Paggi
L’allegria di Dio: saggio sull’umorismo biblico, Arthur Quinn

AIC, 1991

 

 

 

LA CITTÀ DEGLI INDIFFERENTI

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VIII, n° 2/3, 1991

Interventi:
La letteratura del Novecento e il mito umanistico della città, Elio Gioanola
La cultura dell’indifferenza nell’orizzonte contemporaneo, Adriano Bausola
Umanesimo e marxismo oggi, Vittorio Strada
Alle origini della scuola di stato. Analisi di un campo semantico, Eddo Rigotti
Scienza, tecnica e mentalità, Gianpaolo Bellini
Libertà e memoria in Europa, Vladimir Zelinskij
La città e la sua immagine simbolica, Marco Rossi – Alessandro Rovetta

AIC, 1991

ORGANIZZAZIONE E DOMANDA, RELIGIONE E MODERNITÀ, EVANGELIZZAZIONE DELL’AMERICA

SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)

Trimestrale di scienza e cultura

Anno VIII, n° 4, 1991

Interventi:
L’originarsi del senso nella domanda, Eddo Rigotti
L’elogio dell’idiozia. Ovvero: un idiota in piena regola, Maria Delia Contri
Struttura e creatività in linguistica (Domanda & Risposta), Lorenzo Cantoni
Religione, modernità, memoria, Salvatore Abbruzzese
Conquista e evangelizzazione dell’America latina, Fidel Gonzalez Fernandez

AIC, 1991

 

 

 

 

 

 

 

GALILEO GALILEI,
Nicola Dallaporta-XydiasUno scienziato si ritrova scrittore a contatto con la figura che si è imposta
a fondamento del cosiddetto metodo scientifico.
Nicola Dallaporta-Xydias, egli stesso grande astrofisico, ci offre un Galileo
finalmente sottratto a quell’alone mitico che per secoli lo ha circondato.
Ne emerge infatti, attraverso la breve azione scenica, tutta imperniata su
serratissimi dialoghi, l’autentico dramma morale e umano.
Non può, infine, non scaturire dalla lettura, l’importanza degli interrogativi, non sopiti ed anzi
ancor oggi quanto mai vivi, all’interno del dibattito culturale sulla scienza, che l’opera ci propone.

SOMMARIO
Apertura dei lavori, D. Aquilano
Messaggi di S.S. Giovani Paolo II e del Presidente della Repubblica Sandro Pertini
Saluto delle autoritàIntroduzione, di R. ButtiglioneI valori umanistici e cristiani dell’Europa meritano di essere difesi?, L. Moulin
L’uomo religioso di fronte ai problemi dell’Europa e della pace, E. Levinas
Le radici della cultura dell’uomo europeo, N. LobkowiczVerità e pace, G. Vattimo
J.L. MarionL’Europa delle lacerazioni: l’uomo che resta, F. Barbieri
J. Gawronski
L. Geninazzi
A. Jacoviello
V. Volpini
Intervento di S.E. Mons. Pail Poupard, Presidente Esecutivo del Pontificio Consiglio per la CulturaQuale uomo è capace di affrontare il nuovo destino europeo?, F. Barone
V. Belohradsky
S. GrygielIl futuro dell’Europa: le vie della pace, R. Brague
A. Del Noce
K. Pomian
P. Spriano
Intervento del Sen. F. Cossiga, Presidente del SenatoConclusioni, di F. Ricci

QUADERNI N°1 PEDIATRIA
SYNESIS, periodico dell’associazione italiana centri culturali (AIC)
Trimestrale di scienza e cultura
Supplemento a SYNESIS, n.2/3, 1986
Interventi:
Presentazione
Maria Vegni, Neonato a rischio: follow up ambulatoriale
Cecilia Orsenigo, Lo sviluppo psichico e relazionale del bambino nei primi sei anni di vita
Mirella Pontello – Angela Aghemio, Vaccinazione del morbillo e della pertosse: pro e contro
Sergio Mapelli – Lucia Castelli, la patologia ortopedica di più comune riscontro in pediatria
Carlo Gelmetti, Gli angiomi
Angelo Sartori – Teresa Elicio, le coliche addominali nell’infanzia
La sanità riscopre la carità
Corsi per operatori sanitari 1986/87
AIC 1986

Tramvai

Tranvai
“Tramvai”
Rivista del Centro Culturale di Milano
Un ‘foglio’ in spedizione postale per fissare quegli ormai numerosissimi incontri e dialoghi che brillano per la loro attualità e bellezza.
Testi in forma di saggi, procedenti dalle riflessioni di personaggi nazionali e internazionali. Un editoriale che li accompagna, un periodico per una raccolta di cose antiche e cose nuove. Rispetto alla bellezza e profondità di questi contributi ricevuti il Centro è come il tramvai, che segue ogni giorno la stessa linea, affollato e casuale. Ma era giunto il momento di salirvi per aderire –anche quando vai sul tramvai- alla sovrabbondante sorpresa del reale.


Allargare la Ragione

AA.VV., ALLARGARE LA RAGIONE

Interventi di Julián Carrón, Wael Farouq, Lorenzo Ornaghi

A cura di Alessandro Gamba

Incontro di presentazione della traduzione in lingua araba de Il senso Religioso di Luigi Giussani realizzato dal Centro Culturale di Milano il 26 ottobre 2006 presso l’Università Cattolica.
Il testo di Julián Carrón è pubblicato anche in Julián Carrón, La bellezza disarmata, 2015, Rizzoli.

VITA E PENSIERO, 2007, Milano, € 5,00

http://www.vitaepensiero.it


Cerchi della città di mezzo

Giovanni Chiaramonte, MILANO

CERCHI DELLA CITTÀ DI MEZZO

Interventi di Maurizio Cucchi, Milo De Angelis, Luca Doninelli, Umberto Fiori, Giovanni Raboni, Davide Rondoni

FEDERICO MOTTA EDITORE, febbraio 2000

 


Concerto per sole voci poetiche

CONCERTO PER SOLE VOCI POETICHE
Giornata mondiale della poesia

21 marzo ore 18,30 Auditorium Palazzo del Lavoro
Piazza IV Novembre, 5 – Milano

Voci di Lorenzo Babini, Laura Corraducci, Marco Corsi, Daniele Gigli, Luca Manes

Assoli di Giampiero Neri, Giancarlo Pontiggia

Dirigono Alessandro Rivali e Mario Santagostini

Serata a cura di Francesco Napoli


Dalla Rerum Novarum alla Laborem Exercens

AA.VV., DALLA RERUM NOVARUM ALLA LABOREM EXERCENS

di Mons. Carlo Caffarra e Prof. Francesco Viola

Corso sulla dottrina sociale della Chiesa

CENTRO CULTURALE SAN CARLO, 1982, Pro Manuscripto

 

 


Finito infinito

AA.VV., FINITO INFINITO

Letture di Filosofia

A cura di Costantino Esposito, Giovanni Maddalena, Paolo Ponzio, Massimiliano Savini

Com è che noi, esseri finiti, siamo “capaci” dell’infinito? Un percorso fatto di tentativi, di suggerimenti, di ipotesi e di verifiche sul tema “finito infinito”, il cui punto focale è quello di considerare i due termini non più come termini da poter (o non poter) connettere, ma come un unico fenomeno: una sorta di endiadi del pensiero, così come si fa riconoscere nell’esperienza. Un avvio di ricerca attraverso i testi di Tommaso d’Aquino, Cusano, Bruno, Descartes, Pascal, Kant, Hegel, Leopardi, Nietzsche, Peirce, Russell, Wittgenstein, Heidegger.

EDIZIONI DI PAGINA, 2002, Milano, € 11.00

Versione cartacea esaurita

http://www.paginasc.it/


I Camuni

I CAMUNI
Alle radici della civiltà europea

Mostra del Comune di Milano presso la Triennale dal 17 aprile al 17 ottobre 1982

Mostra promossa e curata da:
Centro Camuno di Studi Preistorici – Capo di Ponte (BS)
Centro Culturale S. Carlo – Milano

Con il patrocinio
UNESCO
Regione Lombardia

COMUNE DI MILANO, 1982


Islam 2 libri – una realtà da conoscere -100 domande su islam

Cento domande sull’islam
Intervista a Samir Khalil Samir

A cura di Giorgio Paolucci e Camille Eid
Centro di Studi sull’Ecumenismo
L’attentato terroristico alle Torri Gemelle di New York, il conflitto in Afghanistan, i flussi migratori e la presenza di 12 milioni di musulmani nella U.E. Sono i fenomeni più eclatanti che hanno contribuito ad aumentare l’interesse nei confronti dell’islam, della sua cultura, dei suoi fedeli. E che propongono interrogativi vecchi e nuovi su una realtà che è insieme religiosa, culturale e politica e nella quale si riconoscono un miliardo e 200 milioni di persone. Come nasce l’islam? Cosa rappresenta il Corano per i musulmani? Quale rapporto si è sviluppato tra l’islam e la violenza, tra la cultura islamica e l’occidente? Come realizzare una reale integrazione nelle società europee? E quali sono le condizioni per un incontro costruttivo tra cristiani e musulmani? Risponde Samir, uno dei maggiori esperti di islamologia a livello internazionale.
Un libro-intervista per conoscere e giudicare senza pre-giudizi e senza ingenuità. Un contributo all’insegna del realismo per costruire forma di convivenza adeguate con coloro che sono diventati i nostri nuovi vicini di casa.
Edizione: Marietti 1820, 2002, Torino, €. 13,00
http://www.mariettieditore.it

ISLAM: UNA REALTA’ DA CONOSCERE
Interventi di: Camille Eid, Silvio Ferrari, Luca Montecchi, Andrea Pacini, Giorgio Paolucci, Samir Khalil Samir.
A cura di Elisa Buzzi
Centro di Studi sull’Ecumenismo
L’Islam è un fenomeno che ormai si è imposto all’attenzione del mondo occidentale. I risvolti culturali, religiosi e civili della sua presenza nella nostra società sono soggetto di dibattiti in cui spesso si scontrano interpretazioni e valutazioni di segno opposto; più raramente vengono offerti gli elementi utili per decifrarne la lettura ad un tempo oggettivamente definita ed estremamente complessa.
Eppure la conoscenza dell’islam, almeno negli aspetti essenziali che ne definiscono la fisionomia religiosa, storica e sociale e che caratterizzano la sua multiforme e spesso problematica presenza nel mondo contemporaneo, è la prima condizione perché l’incontro con questa verità si realizzi in un confronto serio e consapevole. Il presente volume si offre come un strumento di conoscenza e invito all’approfondimento per quanti intendono accostare criticamente il fenomeno islamico e comprenderne la natura e implicazioni sulla vita della nostra società.
Edizione: Marietti 1820, 2001, Torino, €. 12,39
http://www.mariettieditore.it


Kei Mitsuuchi, Ai Piedi della Croce

KEI MITSUUCHI, AI PIEDI DELLA CROCE
a cura di Giovanni Testori
La massa s’impone, oppressiva e provocante, nella pittura di Kei Mitsuuchi, senza tuttavia arrestarsi immobile. Nel giuoco di colori e forme, essa sembra muoversi e raccogliere quel gemito, anelante e drammatico, che sta nel cuore dell’osservatore e più in là di lui. Questo fremito di materia fa venire alla mente quel che gli antichi dicevano della vita: che essa ha, come suo fine ultimo e perciò, immanente, l’azione. I volti (tra i quali anche il proprio), gli sguardi, i corpi che l’artista fissa sulla tela cercano di squarciare, rifiutandolo e accusandolo, il deserto di abitudini, costumi, costumi e modi di pensare, nei quali sempre più caro è il coraggio e difficile la creazione.
Così le croci e le crocefissioni dell’ultimo periodo s’innalzano a simbolo e testimonio di un’arte che, prima di essere “religiosa”, è sacra: essa non abbandona la miseria, a volte l’assurdo, delle vicende umane, ma, separandole dalla loro ottusità e dall’astrazione, le trasforma in atto di forza e, insieme, di pietà. Sicché quel cantieri al minimo, che è proprio del divino, diviene, inaspettatamente, profonda partecipazione dell’esistenza ed esempio, arduo da imitare, ma conveniente, per l’uomo da seguire.
Onorato Grassi
Edizione Gabriele Mazzotta, 1985, Milano, €. 18,08
Reperibilità: Non disponibile
http://www.edizioni.mazzotta.it


L’Eucaristia. Centro della comunità e della missione

L’EUCARISTIA: CENTRO DELLA COMUNITÀ E DELLA MISSIONE

Interventi:
L’ultima cena, Mons. Giovanni Saldarini
L’Eucaristia nella riflessione apostolica, Mons. Giovanni Saldarini
L’Eucaristia sacramento della Croce, Mons. Inos Biffi
L’Eucaristia nella tradizione della Chiesa, Mons. Inos Biffi
Controversie attuali sull’Eucaristia, Mons. Inos Biffi
Eucaristia e Chiesa, Mons. Giacomo Biffi
La liturgia della messa, Mons. Giacomo Biffi

Presentazione di Ernesto Basadonna
20° Congresso eucaristico nazionale Milano
Corso di catechesi del Centro Culturale San Carlo Milano
CENTRO CULTURALE SAN CARLO, 1983, Pro Manuscripto


L’origine dell’uomo

L’ORIGINE DELL’UOMO

Interventi:
La nascita della vita sulla terra, Paolo Vanni
Origine biologica dell’uomo, Fiorenzo Facchini
L’origine dell’uomo ed il racconto biblico, Bernardo Boschi

Lunedì Scientifici
Il presente testo raccoglie le conferenze tenute dagli autori presso il Centro Culturale San Calrlo nell’ambito dei Lunedì Scientifici.

CENTRO CULTURALE SAN CARLO, 1983, Milano, Pro Manuscripto


La Cultura Strumento di Ripresa della Vita

AA.VV., La cultura: strumento di ripresa della vita

Atti del colloquio internazionale del Centro Culturale San Carlo.
Milano 20-21/6/1982

Interventi di Antonino Zichichi, John Eccles, Rocco Buttiglione, Paolo Mantegazza, Vincenzo Cappelletti, Nicolò Dallaporta, Ennio de Giorgi, Jean-Luc Marion, Roberto Formigoni, Jòzef Tischnèr, Ulderico Bernardi, Vladimir Maksimov, Victor Massuh, Giovanni Testori, Franco Mosconi, Georgette de la Rochefoucauld, Renzo Frana, Guzman Carriquiry
Il 2 giugno 1980 Giovanni Paolo II, rivolgendosi all’assemblea dell’UNESCO nella di Parigi, sottolinea la necessità che la cultura torni a costruire la vita dell’uomo: «Grazie alla cultura» afferma il papa «l’uomo vive di una vita veramente umana».
A un anno di distanza, per iniziativa del Centro Culturale San Carlo di Milano, studiosi e intellettuali di diversi paesi europei si incontrano per riprendere il senso del messaggio pontificio e tentare di individuare alcune linee di svolgimento.
JACA BOOK, 1982, Milano
Disponibilità solo presso la Jaca Book

http://www.jacabook.it/ricerca/main-tit.htm


La nuova Europa

LA NUOVA EUROPA

Rivista internazionale di Cultura

ANNO 2 NEMERO 6 (252) Novembre-Dicembre 1993 – Bimestrale

Olivier Clement
Cuore, simbolo, luce: realismo cristiano e armonia cosmica nei Padri della Chiesa
Chi ha giocato al massacro?
Mosca, interrogativi che non si possono eludere

Il Papa nei Baltici «Il calore di quel freddo settembre, nell’abbraccio di quest’uomo canuto, dal passo stanco, padre della nostra libertà…»

Alfred Wierzbicki
Radici non politiche della crisi politica polacca

Una biografia di prossima pubblicazione
Aleksandr Men’: pastore e martire della terra russa

LA CASA DI MATRIONA, 1993, Milano


Madre Teresa

Morihiro Oki, Madre Teresa
Amore senza limiti

Morihiro Oki racconta attraverso delle intense immagini fotografiche le tracce di amore di Madre Teresa di Calcutta nella “Casa per Poveri Moribondi”, la sua presenza presso i diseredati nella città di Calcutta.
«Il mio obiettivo continuava a riflettere il mondo della Madre e delle suore che, nei loro sforzi per lodare e servire Dio, riuscivano a trasmettere un amore senza limiti. Un mondo bellissimo, pieno di felicità. 
E quei riflessi sono diventati questo libro».

MARIETTI 1820, Torino, 2002, Euro 21,00
http://www.mariettieditore.it/


Memoriale ai milanesi

Memoriale ai milanesi
di Carlo Borromeo
Edizione : Nuova Editoriale Italiana

 

 

 

 


Milano XXI secolo

Milano XXI secolo
“…percosso da novo crescente romor”
A cura di Giovanni Chiaramonte e Camillo Fornasieri
Testi e immagini del presente e del futuro di Milano

Reportage fotografico di:
Walter Ricardo Francone, Silvia Morara, Alessandro Tosatto, Stefano Boeri, Paolo Galassi, Giulio Sapelli, Santo Versace, Giorgio Vittadini
Intervistati da:
Maurizio Caverzan, Maurizio Crippa, Luca Doninelli, Giuseppe Frangi, Stefano Zurlo

Milano da bere? Milano in declino? Milano del Pirellone, della fiera, dei navigli, della moda, della nebbia che non c’è più… Ma com’è veramente la città? Dove vanno i suoi uomini?
Edizioni Cusl € 20,00


Pasolini, il poeta che sfidò il nulla

AA.VV., PASOLINI, IL POETA CHE SFIDÒ IL NULLA

Ideato da Camillo Fornasieri

A cura di Alessandro Banfi, Gian Corrado Peluso, Giampaolo Pignatari, Fabrizio Sinisi

Con la collaborazione di Maria Bertaggia, Maddalena Catani, Matilde Fiorini, Mattia Gennari, Luca Maggi, Giuseppe Vitali, Mattia Savia, Andrea Siciliano, Alessandro Vaghi
La realtà del tempo, gli eventi della storia e della memoria, il desiderio dell’uomo nelle vicende della storia, sono la materia viva sella poesia, della scrittura, del teatro, del cinema dello scrittore che più di chiunque ha raccontato il nostro Paese.
Pasolini, in un tempo molto diverso ma molto preparatorio del nostro, ha sfidato il nulla, quella riduzione dell’io che proviene dal suo interno e dall’esterno, iniziando dalla separazione tra credere e sapere, che lo lascia solo di fronte a un potere che non sa che farsene del volto umano per la sua programmazione del mondo. Una situazione analoga, con altri attori, che anche oggi si verifica di fronte alle sfide di una nuova realtà e sembra offuscare quell’esperienza umana, elementare e costitutiva, che si esprime nelle esigenze della felicità, della giustizia e dell’amore.
Leggere Pasolini fa intuire l’esistenza di alcuni punti dai quali egli ha tratto il suo paragone e il suo impegno, insomma, la sua poetica.
È interessante perciò vedere la consistenza e attualità di Pasolini, verificare quella sua profezia sulla società moderna e contemporanea, le cui conseguenze oggi stiamo vivendo, come occasione per costringere noi stessi ad andare al fondo di quelle stesse domande ed esigenze.

ITACA, Milano 2015, Pro Manuscripto

http://www.itacalibri.it/it/


Per la cultura

PER LA CULTURA
Il contributo del Centro Culturale San Carlo

CENTRO CULTURALE SAN CARLO

 

 

 


Quartana, Disegni e Sculture

Manfredi (Dino) Quartana, Disegni e Sculture. 1973 – 1984

Con testi di
Rodolfo Balzarotti, Grido di gioia, grido di rivolta
Henry Bauchau, Nativa da rovine sorgenti

Nei disegni e nelle sculture di Quartana si percepisce la pressione sotterranea di un’immensa macchina: è quella industriale o guerriera che maciulla o annienta, è quella del cuore con le sue speranze salvatrici. La natura pittorica della scultura di Quartana si adatta al carattere monumentale, massiccio e architettonico, di una scultura di oltre quattro metri di altezza. La lotta, l’innocenza del gioco e la liberazione verso l’alto, allusa, come sempre da una particolare forma a “V” sono i temi centrali della sua opera. Come afferma lo stesso Quartana: “Io sono chiamato, per essere insieme con le cose al loro nascere; sono attraversato dalla nascita e, in me stesso, attraverso me stesso, io mando un grido di nascita insieme con le cose. Grido di gioia, grido di rivolta … poco importa”.

Centro Culturale S. Carlo – JACA BOOK, 1985, Milano, € 10,33

http://www.jacabook.it/


Video CMC

AA.VV., DOVE LA DOMANDA SI ACCENDE

Autori:
Hans Urs von Balthasar, Giovanni Baravalle, Juliàn Carrón, Alain Finkielkraut, Luigi Giussani, Laurent Lafforgue, Pierre Manent, Czesław Miłosz, Alberto Moravia, Chaim Potok, Rainer Riesner, Giovanni Testori

A cura di Camillo Fornasieri e Tommaso lanosa
Prefazione di Luca Doninelli
Era il 1981, anno cruciale, con gli ultimi fuochi della stagione del terrorismo e l’aspra battaglia civile intorno alla legge sull’interruzione della gravidanza e il conseguente referendum, che ci consegnò l’immagine di un’Italia nella quale l’incidenza culturale del cristianesimo appariva sempre più labile.
Già trent’anni prima di quel momento l’uomo che aveva deciso di prendersi cura di noi, don Giussani, si era accorto di come, dietro l’apparenza di un cattolicesimo trionfante, la fede cristiana stesse perdendo in capacità di adesione al reale e, quindi, in vera autorevolezza.
Il CMC fu fondato da persone più vicine ai venti che ai trent’anni, e fu una specie di trabocco di vita, la necessità cioè di creare un luogo libero dove sia gli incontri con “maestri” che le riflessioni che da essi nascevano potessero svilupparsi sistematicamente, proprio come aveva detto don Giussani a proposito della cultura, che è la «coscienza critica e sistematica dell’esperienza».
Noi conoscevamo bene quella definizione, ma fu – ed è – l’esperienza di impegno quotidiano a farcene comprendere il significato concreto.
dalla Prefazione di Luca Doninelli

ITACA, Castel Bolognese 2012, € 15,00

http://www.itacalibri.it/it/

 

IN CAMPO APERTO

Una storia scritta a Milano e vissuta nel mondo
Filmati di repertorio, media, giornali, di oltre 30 anni di attività
Interviste con
Aharon Appelfeld, Marco Bona Castellotti, Julián Carrón, Luca Doninelli, Camillo Fornasieri, Franco Loi, Giulio Sapelli, Andrée Ruth Shammah, Carlo Tognoli, Giorgio Vittadini

Durata: 37 minuti
DVD integrativo non vendibile separatamente da “Dove la domanda si accende”, Itaca

In copertina: Dio e il popolo nei Promessi sposi Incontro Moravia Testori
Courtesy Federico Brunetti
Centro Culturale di Milano
Avvenimenti, episodi, vita delle città, personaggi, di un fatto chiamato Centro Culturale di Milano.
Scienziati, scrittori, economisti, filosofi, storci, artisti, uomini del nostro tempo in un dialogo con giovani, professionisti, universitari. Un luogo dove la passione per la verità e per l’esperienza umana in tutte le sue espressioni, unisce la gente in un incontro permanente, perché la cultura non può che nascere da un gusto del vivere.
Una storia scritta a Milano e vissuta nel mondo.

 


CONDIVIDI