STORIA ANTICA E MODERNA

L’edificio della sede del CMC sorge in luogo ricco di evocazioni storiche e religiose, a fianco della Chiesa di San Vito al Pasquirolo.
Costruita in epoca medioevale, viene poi ristrutturata da S. Carlo Borromeo e resa parrocchia; nel suo registro Battesimi compare il fratello di Caravaggio mentre Michelangelo Merisi compare nel registro di S. Stefano in brolo a pochi passi distante. Dagli stessi registri, infatti, la famiglia del Caravaggio –con il padre Fermo e la mamma Lucia – risulta abitare in via Passarella tra Largo dei Servi e Corso Vittorio Emanuele.

Ma le radici di questo luogo, vero e proprio crocevia di storia ambrosiana, sono più antiche: presenti in piazza e dentro la sede del CMC, troviamo, infatti, i ruderi delle Terme Erculee Romane, le quali rendevano Mediolanum, nel II secolo d.C., famosa nel mondo.
Il grandioso complesso di terme, dette Erculee perché il nome dell’eroe era l’appellativo specifico dell’allora imperatore Massimiliano, fu una delle più imponenti costruzioni legate alla presenza della corte imperiale a Mediolanum, occupando un’area di circa 14.500 metri quadrati.

Dell’antica struttura non rimangono che tracce esigue, portate alla luce nel 1959, quando nel centro storico iniziarono gli scavi in trincea per realizzare le nuove fognature. Andarono probabilmente distrutte durante le invasioni barbariche o nel 1162, quando l’imperatore Federico Barbarossa fece radere al suolo la città. Delle terme alcune tracce sono visibili nel Largo e all’interno del CMC.
Il complesso era costituito da un vasto spazio aperto porticato, la palestra, dal quale si accedeva alle imponenti strutture destinate alle diverse fasi del bagno.
Dall’area delle terme proviene un frammento di statua romana, identificato come il busto di Ercole, copia romana del II secolo di un originale di Lisippo. L’opera è ora conservata al Museo Archeologico di Milano. Sono stati inoltre ritrovate porzioni di mosaici presso la chiesa di San Vito in Pasquirolo.

A pochi metri da questi luoghi suggestivi, si trovano le tracce del famoso assalto ai Forni citato dal Manzoni nei Promessi Sposi.
E ancora, la storia è arricchita dal ricordo di personaggi quali il Beccaria, autore del capolavoro illuministico “Dei Delitti e Delle Pene”, la cui statua campeggia nell’adiacente piazza Beccaria; viene resa eterna per la religiosità della Madonnina del Duomo che spicca sulle due piazza. Crocevia anche di vita educativa per la presenza dei Servi di Maria – da cui il nome del Largo – e in special modo da quella del frate Beato Giavannangelo Porro, uno dei primi educatori e costruttori di opere sociali del XV secolo, il cui corpo riposa nella Basilica di S. Carlo al Corso

Una storia scritta a Milano e vissuta nel mondoquella del CMC –associazione culturale sostenuta dal volontariato e da molteplici esperti e professionisti di Milano e non, rilancia la sua presenza mentre compie i suoi 35 anni di attività –con i suoi originali temi e aperture a 360 gradi, collaborazione con istituzioni ed enti, case editrici e i suoi più di 2500 ospiti.

Per questa nuova avventura CBA “Designing brands with heart”, importante realtà internazionale con sede a Milano e 11 uffici distribuiti in tutto il mondo, ha ideato una nuova immagine e identity brand per lo storico Centro Culturale di Milano.

 


Disegno delle facciate del Centro Culturale con S. Vito, Studio Caccia Dominioni

 

cmcchiesa
Il Centro Culturale e la Chiesa di San Vito, oggi Parrocchia di S. Ambrogio del Patriarcato di Mosca

busto
La statua di Ercole delle Terme romane, oggi al Museo Archeologico di Milano

 

abside terme1

Disegno delle Terme Erculee, il CMC è collocato al centro dell’abside

 

pavimento
modellino

Manto musivo trovato nel 1960 negli scavi archeologici sul sito, oggi al Museo Archeologico di Milano

 

Sala Erculea

La sede oggi