di Andrej Sinjavskij, Jaca Book 2014

con

Iegor Sinjavskij, figlio del grande dissidente Andrej

Luca Doninelli, scrittore

Sergio Rapetti, critico e traduttore

Milano incontra Iegor Sinjavskij figlio del celebre scrittore Andrej Sinjavskij, per presentare e commentare il celebre “Pensieri improvvisi e Ultimi pensieri” appena edito da Jaca Book. Il Centro Culturale di Milano e Jaca Book intendono riscoprire la straordinaria attualità di questo testo, edito per la prima volta nel 1967, unito oggi agli inediti “Ultimi pensieri” tradotti da Sergio Rapetti.

sinjavskijcmc

A. Sinjavskij durante la conferenza organizzata dal CMC nel 1988

“Pensieri improvvisi”, lettura che segnò diverse generazioni, fu composto da Sinjavskij poche settimane prima del suo arresto e mandato oltrecortina agli editori con lo pseudonimo di Abram Terz. Nel celebre processo farsa “Sinjavskij-Daniel”, sopraggiunto alla fine del 1965, conclusosi con la condanna ai lavori forzati nei gulag, si svelò paradossalmente l’identità di quell’uomo e contemporaneamente il volto convinto dell’ideologia contro la persona, tema che, faticosamente, segnò i dibattiti culturali e sociali degli anni a seguire.

Insieme a Iegor Sinjiavskij, unico figlio dello scrittore – che sbarca al Salone di Torino dove presenta il libro il giorno successivo- lo scrittore Luca Doninelli e Sergio Rapetti.

Il Centro Culturale di Milano incontrò Andrej Sinjavskij a Milano per il Convegno del millenario delle terre dell’antica Russia 988-1988 in un convegno organizzato presso l’Università Cattolica con Padre Romano Scalfi di Russia Cristiana.

Presso la Sala Verri di via Zebedia, 2 [MM1 Duomo – MM3 Missori]

Foto

in collaborazione con

logoFRCweb

jacabook logo

 

 

Condividi