L’anno della fede. Uno sguardo più profondo dentro la realtà

L’anno della fede si apre con il Sinodo dei Vescovi e con il tema della nuova evangelizzazione. L’ondata di secolarizzazione che ha investito il mondo Occidentale ha portato a uno svuotamento dei contenuti  religiosi, mostrando una sorta di resistenza alla sfida di cambiare vita, di cercare e trovare qualcosa di nuovo che meriti di essere vissuto. Questo tempo proposto dalla Chiesa è invece occasione di riscoperta di quella novità, dentro la realtà, che porta l’annuncio dell’incontro con Cristo.

10/08/2012 Vatican.va (Benedetto XVI)
XIII Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi. Meditazione del Santo Padre Benedetto XVI nel corso della prima congregazione 

10/07/2012 Vatican.va (Benedetto XVI)
Santa Messa per l’apertura del Sinodo dei Vescovi. Omelia del Santo padre BenedettoXVI 

08/10/2012 Corriere della Sera (M. A. Calabrò)
Il Papa e il matrimonio: “E’ in crisi come la fede”

06/10/2012 Avvenire (R. Maccioni)
INTERVISTA a Rino Fisichella, Parte da noi stessi la nuova evangelizzazione

08/10/2012 Avvenire (E. Molinari)
INTERVISTA al cardinale Donald W. Wuerl, Una fede rinnovata risposta al secolarismo

Il fondo salva Stati e una politica non al passo

L’approvazione del fondo salva Stati pone una serie di domande. Quale sarà il prezzo da pagare per un governo che decida di chiedere gli aiuti europei? Che peso hanno i cittadini nel determinare le scelte sulle riforme necessarie a rimettere in moto la crescita? Eccetera, eccetera. L’unica certezza sembra essere che il futuro nuovo governo politico italiano (ma il discorso riguarda tutte le democrazie della zona euro) troverà e acquisterà la propria legittimità (dai cittadini e dalla Bce) nelle risposte a questi interrogativi. In altre parole: alzare lo sguardo dai piedi di un tornaconto immediato con l’ampiezza della società e delle relazioni europee (neo-con compresi).

09/10/2012 Corriere della Sera (L. Reichlin)
I non detti sul fondo salva Stati alimentano incertezze e rischi

09/10/2012 Il Sole24Ore (S. Folli)
Fotografia dell’Italia elettorale fra spinte alla spesa e giochi tattici

04/10/2012 Il Tempo (C. Solimene)
INTERVISTA a Mario Mauro, “Basta con le sparate anti-Europa. Il Pdl recuperi la sua identità”

09/08/2012 Il Sussidiario.net (F. Bechis)
Come si può pensare di battere la sinistra facendo i neo-con?

“Se questa libertà da Dio non fosse altro che la via moderna verso Dio?” (R. Musil) /1. Il Cortile dei gentili

L’esperienza del Cortile dei Gentili ha trovato punto di partenza nella benedizione del Papa, secondo cui il dialogo tra chi crede e chi non crede deve arrivare a opporsi a “quel sonno della ragione” che genera “la militanza contro Dio e di conseguenza contro l’uomo”.  La sfida si gioca tra discettare di una crisi e di un vuoto, o percepire una mancanza, un bisogno. Solo così la ragione è invitata a prendere sul serio la propria esigenza di risposta esauriente all’esistenza. Perciò non ci si può fermare a considerazioni sul bene comune, sulla teologia, sulla filosofia…

26/09/2012 Corriere della Sera (A. Torno)
Il Dio sconosciuto dei cristiani

27/09/2012 Il Foglio (P. Rodari)
Ad accogliere Napolitano nel Cortile dei gentili c’è un San Francesco tosto

07/10/2012 La Stampa (L. Mondo)
Il Dio sconosciuto e il bene comune

07/10/2012 Osservatore Romano (G. Ravasi)
Per colmare il vuoto del nostro tempo

07/10/2012 Osservatore Romano (G. Napolitano)
Anche i costituenti sapevano che siamo tutti uomini di fronte al mistero

“Se questa libertà da Dio non fosse altro che la via moderna verso Dio?” (R. Musil) /2. Ruini e quel “intervista su Dio”

In un momento di grande crisi la domanda sull’esistenza di Dio sembrerebbe essere superflua, eppure resta uno dei grandi temi sul quale si intersecano filosofie, discorsi teologici, teorie. Difficile eludere la domanda “Dio esiste?”. Per questo, secondo Massimo Cacciari (intervenuto sul libro di Ruini), “stiamo vivendo in un’epoca positiva proprio perché la sua scristianizzazione fa emergere la questione della fede nella sua vera essenza”.

20/09/2012 Avvenire (M. Muolo)
L’ateismo ha cambiato pelle ma la domanda su Dio resta aperta

20/09/2012 Il Messaggero (F. Giansoldati)
Ruini: la mia via per trovare Dio

01/10/2012 Tracce.it (U. Casotto)
La tenacia del Divino

05/10/2012 Avvenire (L. Rosoli)
Inutile, irrilevante, lontano… Ruini sfata le banalità su Dio

Firenze e quella “forza trainante della bellezza”

Di chi è una città? Come può rinascere? Parallelamente al grosso lavoro su Milano (in collaborazione col Cmc), lo scrittore Luca Doninelli, nel suo nuovo libro “Salviamo Firenze”, lancia una provocazione al popolo fiorentino. Se l’idea dominante è che i “beni” siano di due tipi (privati o pubblici), il libro si avventura alla ricerca di quel anello mancante tra ciò che è mio e  ciò che è dello Stato. In mezzo, infatti, c’è il bene comune, ovvero il bene per tutti. Da questa presa di coscienza nascono una serie di proposte per mezzo delle quali non lo Stato, ma la società, si fa carico della bellezza che ci lega tutti e che ci tiene insieme.

01/10/2012 Il Giornale (L. Doninelli)
“E se portassimo il David al Louvre?”

01/10/2012 Avvenire (F. Panzeri)
Doninelli: salvare Firenze grazie a Brunelleschi

09/10/2012 Tracce.it (A. Simoncini)
Firenze, un bene “comune”

Cos’è un valore e quando le parole risuonano vuote

Nel suo nuovo saggio Veneziani rilancia i tre temi cardine del pensiero conservatore italiano: Dio, patria e famiglia. Da questo slogan (immortale) il centro-destra dovrebbe ripartire, per la ricostruzione dell’Italia. Ci sembra però che il libro di Veneziani non ri-riempia queste parole oggi in crisi, cosicché il rischio diventa quello (sempre più frequente) di uno proposta vuota e mancante, lontana dalla realtà. Ci si interroghi piuttosto sullo stato e sulla condizione di questi ideali (e non idoli).

25/09/2012 Il Giornale (M. Veneziani)
Dio, patria e famiglia? Ci servono ancora, eccome

25/09/2012 Libero (C. Langone)
Da questa crisi si esce con Dio, patria e famiglia

28/09/2012 Corriere della Sera (D. Fertilio)
Tramontati i valori l’individualismo trionfa. Ma l’uomo è più solo

Letture (tra riscoperte e novità)

Proponiamo una rassegna di letture indici di una concezione di cultura come gesto, coraggio, impegno di sé, e qualche esempio, invece, di astrazione culturale, e dunque di silenzio (o rumore) della parola.

25/09/2012 Il Foglio (E. Rialti)
L’infinita sorpresa di leggere C. S. Lewis e scoprirlo compagno di viaggio

29/09/2012 Corriere della Sera (C. Magris)
L’utopia degli scrittori figlia di Don Chisciotte

30/09/2012 Il Giornale (G. Ghini)
Solzenicyn è ancora nel Gulag. In Italia lo leggiamo censurato

07/10/2012 Domenicale de Il Sole24Ore (F. Pessoa)
Pessoa, genio e regolatezza

07/10/2012 Libero (G. Pansa)
Vi racconto il nuovo “Sangue dei vinti”

10/06/2012 Il Sussidiario.net (G. Fighera)
Ogni giorno “scegliamo” tra Elisabetta e Anna

10/08/2012 Il Sussidiario.net (M. Calusio)
Sinjavskij, quando il lager “aiuta” la libertà (letteraria)

RIFLESSIONI/ La volontà come bene… Se obbedisce al richiamo dell’ Infinito

Offriamo alcune significative sottolineature sul bisogno di adesione e impegno insito nella ragione, soprattutto in relazione alle cose grandi (Levinas) e la forza della riscoperta della tradizione che appare come novità (Scola sul Concilio). Tutte mostrano il lato esistenziale della cultura troppo spesso invece ridotta ad affabulazione ed erudizione.

21/09/2012 Repubblica (R. Esposito)
Dialoghi sulla soglia

27/09/2012 Avvenire (F. Rizzi)
Przywara, l’ analogia ci porta verso Dio

01/10/2012 Domenicale de il Sole24Ore (E. Levinas)
La volontà? Pericolante e poco eroica

01/10/2012 La Lettura (A. Sgobba)
La vita mortale dei fatti

10/08/2012 Il Sussidiario.net (P. Colognesi)
Il pianto di Dostoevskij

04/10/2012 Osservatore Romano (A. Scola)
Protagonista è la chiesa

Arte, mostre e architettura

23/09/2012 Domenicale de Il Sole24Ore (M. Bona Castellotti, G. Belli)
Guardi a Venezia

26/09/2012 Tracce.it (G. Frangi)
Vermeer, il suo “qui” è una vastità

02/10/2012 Avvenire (L. Servadio)
INTERVISTA a Cristiàn Undurraga, Il mio gotico è di cemento

08/10/2012 Il Giornale (F. Amè)
Due generazioni di artisti accendono casa Testori

 

Condividi