Testori

Giovanni Testori è alle origini del Centro Culturale di Milano, che ai suoi inizi si chiamava Centro Culturale San Carlo. Testori scelse questo luogo per parlare alla città. Qui alcuni giovani di Comunione e Liberazione insieme a don Giussani, cominciavano a interrogare e incontrare il mondo con la passione della ragione e della fede. Erano gli stessi che cercarono Testori. Insieme si unirono a tanti testimoni di quel tempo, nel riproporre i punti cruciali della storia di Milano, della sua arte, della sua operosità, del suo cuore, della sua contemporaneità, come giudizio nel mondo culturale  e nella mentalità dominante. L’attualità dell’alta testimonianza e della sua conversione, o meglio nuova appartenenza al fatto cristiano in cui era vissuto, è evidente ancor più oggi. A fine febbraio verrà rieditato dalla BUR il libro “Il senso della nascita”, di GIOVANNI  TESTORI e LUIGI GIUSSANI. Il CMC insieme al Teatro Franco Parenti e all’Associazione Testori daranno vita ad interventi e rappresentazioni su Testori. In particolare il CMC dà vita ad un Convegno e mostra multimediale degli interventi di quel tempo.

“Se la colpa è dell’astrazione, è soltanto il concreto che può minacciare il dominio dell’astrazione. E il concreto è una presenza diversa. Ma una presenza diversa si esprime in parole, in parole che però lasciano intravedere una continuità; non parole che «definiscono», nel senso che questo mondo «definisce tutto», vale a dire mette nella tomba tutto, rende cadavere tutto. Perciò devono essere parole che esprimono un contenuto vivo, cioè una presenza. Io non riesco a trovare un altro indice di speranza se non il moltiplicarsi di queste persone che siano presenze. Il moltiplicarsi di queste persone; e un’inevitabile simpatia o, starei per dire una cosa brutale, una «sindacalità» nuova fra queste persone; così come la esprime il termine che noi usiamo: riconoscimento. Al di fuori di questo, la traiettoria è così povera, l’umano è così relegato; è come se i mendicanti di una città dovessero combattere col potere che domina la città. Bisogna avere il coraggio della verità di se stessi. Il piccolo coraggio della verità di sé.” (Luigi Giussani)

LUIGI GIUSSANI e GIOVANNI TESTORI,
Il senso della nascita, ed. Bur

Milano una Scuola permanente.
La parola “scuola” mette in luce un qualcosa caro a tutti, occasione di imparare di nuovo da noi stessi, dalla nostra storia, un metodo ricordato nella recente visita di Benedetto XVI a Milano che ha detto ‘nella vostra storia è contenuto il vostro futuro’.
“Permanente” indica un’offerta che non termina, che accade sempre. Sono le testimonianze, i frangenti le persone e i problemi antichi e nuovi da fissare e capire.
Ci saranno una serie di incontri del CMC con diverse personalità. Ma cominciamo da subito con un invito alla Lettura. Testi inediti di incontri straordinari fatti con persone di cui ricorre un particolare anniversario Giovanni Testori (1993), Giorgio Gaber (2003), Giuseppe Pontiggia (2003)