Ciclo di serate “Spirto gentil”
Il suono e il racconto della musica

Giovedì 4 aprile ore 21,00
Auditorium CMC
Largo Corsia dei Servi, 4 (MM1 Duomo; MM3 Duomo

Concerto di

SIMONE PEDRONI, pianoforte
LUCA FRANZETTI, violoncello
MARCO BRONZI, violino

Prenotazioni Amici CMC
Prenotazione Pubbliche 5€

Ascolteremo dal maestro Simone Pedroni, insieme ai due affiatati colleghi strumentisti, l’interpretazione di brani di John Williams, un grande compositore americano vivente, autore di indimenticabili brani musicali e colonne sonore di celebri Film, che non potremmo più guardare o immaginare senza la poetica espressa dalle sue note.
Autore di grande inventiva e profondità umana, culturale e musicale, Williams ha voluto conoscere Simone Pedroni. In quell’occasione Simone gli ha presentato la prima copia di un CD “Themes and Transcrptions for Piano” con le proprie trascrizioni di alcune opere per orchestra che Williams, prima della pubblicazione aveva personalmente approvato. Dopo questo primo incontro più formale ne è seguito uno molto più familiare svoltosi nella casa di Los Angeles dal maestro in cui Simone ha suonato insieme alla violoncellista Cecilia Tsan alcune sue opere in vista di un concerto. Una vera e propria lezione che Simone definisce “indimenticabile”. Al CMC, per la prima volta, oltre i celebri brani per il cinema, Simone e suoi amici ci guideranno alla scoperta di alcuni brani inediti e alcuni meno noti, insieme al racconto per scoprire il profilo di un compositore che arriva al cuore delle cose ultime proprio per il suo desiderio di esserne compagno quotidiano.


Programma

ELEGY

THE BOOK THIEF
The Visitor and The Book Thief
Max and Liesel
The Snow Fight
Max’s Departure
The Visitor at Himmel Street
Finale

Da THREE PIECES FOR SOLO CELLO
N.2 Pickin’

HARRY POTTER AND THE PRISONER OF AZKABAN
Buckbeack’s Flight

Da CONVERSATIONS FOR SOLO PIANO
N.1 Phineas and Mumbette

MEMOIRS OF A GEISHA
Sayuri’s Theme
A Dream Discarded
Going To School

SCHINDLER’S LIST

Theme
Jewish Town (Krakov Ghetto-Winter 1941)
Remembrances

SABRINA
Theme

WITCHES OF EASTWICK
Devil’s Dance


Simone Pedroni, pianista di fama internazionale e direttore d’orchestra, autore del recital pianistico Themes and Transcriptions dedicato a John Williams

biografia Simone Pedroni
Simone Pedroni: Allievo di Piero Rattalino al Conservatorio “G. Verdi” di Milano e di Lazar Berman e Franco Scala all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola, nel 1993 vince la Gold Medal ed il Premio di musica da camera al Concorso Van Cliburn in Texas. Da allora è stato solista con alcune tra le più importanti orchestre del mondo ed ha collaborato con direttori come Sir Yehudi Menuhin, Vladimir Spivakov, Zubin Mehta, Eliahu Inbal, Stanislav Skrowachevsky, Gianadrea Noseda, Roberto Abbado, Antonello Manacorda, Pinchas Steinberg, Xian Zhang,Oleg Caetani, Leonard Slatkin, Riccardo Chailly e Vladimir Ashkenazy. Con l’Orchestra da Camera di Praga ha effettuato una tournée di 29 concerti negli Stati Uniti. Si è esibito al Teatro alla Scala di Milano, alla Carnegie Hall di New York, alla Herkulessaal di Monaco, alla Filharmonia Narodowa di Varsavia, al Teatro Colòn di Buenos Aires, oltre a numerosi concerti negli Stati Uniti d’America, Giappone e Cina. Nel 2011 ha eseguito la prima assoluta del Concerto per pianoforte e orchestra di Luis Bacalov scritto per Pedroni e l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, di cui dal 2007 al 2016 è stato artist in residence. E’ stato protagonista nel 2014 del Van Cliburn Memorial Concert trasmesso dal Texas in mondovisione eseguendo musiche di Liszt e la Lincoln Suite di Williams. Dall’estate del 2014 è direttore artistico e fondatore dell’Alagna Music Festival “Da Bach a Williams” che si svolge in agosto nel suggestivo teatro di Alagna Valsesia ai piedi del Monte Rosa. Nel settembre 2015 debutta come direttore d’orchestra con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi con un programma dedicato alle musiche di John Williams per Star Wars che registra il tutto esaurito e un grandissimo successo di pubblico e critica, successo ripetutosi nel luglio 2016 e nel 2017 a Novara (Festival Cantelli per gli Amici della Musica V. Cocito) e Lecco. Nell’ambito di tali concerti ha eseguito la prima italiana delle musiche scritte per The Force Awakens. Recentemente ha realizzato un progetto di scambio di podio dedicato ai concerti di Schumann con l’Orchestra Filarmonica Italiana ed il violoncellista Luca Franzetti, con cui collabora stabilmente in duo. Ha inciso per Philips-Classics, per la Bottega Discantica e per LOL-records musiche di Mussorgsky, Pärt, Schubert, Scarlatti, Bach/Busoni, Chopin, Gottschalk, Horowitz. Per Varèse Sarabande, etichetta statunitense specializzata nella pubblicazione di musica da film, Pedroni ha inciso Themes and Transcriptions, un recital pianistico interamente dedicato a John Williams, incisione approvata ufficialmente dall’autore.

Luca Franzetti, violoncellista

biografia Luca Franzetti

Luca Franzetti:
Nato a Parma nel 1969, inizia a suonare il violoncello a 17 anni dopo aver studiato violino, chitarra e pianoforte. Inizia a suonare in orchestra all’età di 18 anni. Dopo essere stato primo violoncello in orchestra italiane quali la Toscanini di Parma, il Teatro Bellini di Catania e L’Orchestra Stabile di Bergamo, a 30 anni ricopre il posto di Primo Violoncello dell’Orchestra Sinfonica di Milano G. Verdi, con Riccardo Chailly come direttore stabile. Qui ha avuto l’occasione di lavorare con grandi artisti come Rudolf Brasai, George Prétre, Sara Mingardo, Vladimir Jurowsky, Elene Grimaud, Sir Charles Mc Erras, stringendo con alcuni di loro anche rapporti di profonda amicizia. Questa esperienza è stata la base di tutto ciò che è seguito dopo. Parallelamente, ha svolto attività di primo Violoncello per la Sottish Chamber Orchestra di Edimburgo, la Royal Philharmonic of Flanders di Anversa e l’Operanorth di Leeds (UK).
 

Marco Bronzi, violinista, docente presso il conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano

biografia Marco Bronzi
Marco Bronzi: Violinista, diplomato col massimo dei voti all’età di 18 anni al Conservatorio di Parma, è stato allievo di Carlo Chiarappa alla Scuola di Musica di Fiesole, di Yair Kless alla Rubin Academy di Tel Aviv e di Pavel Vernikov a Portogruaro. Ha conseguito la Laurea superiore di II livello in musica da camera con il massimo dei voti, la lode e la menzione al Conservatorio di Parma. Vincitore giovanissimo del 1° premio al concorso per violino solista “Ada Dal Zoppo” di Mantova, del 1° premio al concorso per violino solista “Lorenzo Perosi” di Biella. Dal 1992 fino al 2006 membro stabile dell’Orchestra sinfonica dell’Emilia-Romagna di Parma; dal gennaio 2006 è docente di ruolo di violino, dal 2009 al Conservatorio “Claudio Monteverdi” di Bolzano. Svolge un’intensa attività cameristica in varie formazioni, con una particolare predilezione per il repertorio del ‘900 storico. È membro del Five Lines Piano Quintet. Fa parte sin dai suoi esordi della Symphonica d’Italia, sotto la direzione di Lorin Maazel e, precedentemente, della Filarmonica Toscanini sempre sotto la direzione di Maazel partecipando a tournée di grande successo in tutto il mondo con alcuni fra i massimi direttori d’orchestra dei nostri tempi come L. Maazel, Y. Temirkanov, R.de Burgos, G. Pretre, Z. Mehta, K. Masur e M. Rostropovich. Nel periodo 2006-2009, con la Symphonica d’Italia ha effettuato tournèes in Giappone, Argentina, Brasile, Russia, Israele, Turchia, e in numerosissime città europee e in USA. Oltre alle collaborazioni con I Solisti Veneti, con l’orchestra della Svizzera italiana, con l’orchestra del Teatro alla Fenice di Venezia e con Accademia Bizantina, ha ricoperto il ruolo di concertino e spalla nell’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna oltre ad essere stato con regolarità spalla e solista del gruppo d’archi dell’orchestra medesima; in Israele è stato primo violino e solista dell’Erzelya Chamber Orchestra. È la spalla dell’Orchestra Giuseppe Verdi di Parma, dell’Orchestra della Fondazione CRT di Torino e collabora, sempre in qualità di spalla con l’Orchestra Sinfonica della Valle d’Aosta e l’Orchestra da Camera di Ravenna. Collabora con l’Orchestra del Festival di Brescia e Bergamo. È dottore in Giurisprudenza, con la laurea conseguita nel 2003 presso l’Università degli Studi di Parma.

GALLEERY

CONDIVIDI

 

 

I PROMESSI SPOSI.
NELLA CITTA’ CONTEMPORANEA

 

Cap. XXXII
“Il buon senso c’era ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune”
La Città in mano alle opinioni: le ragioni della fiducia reciproca
con Ruggero Eugeni, docente di Semiotica dei Media, nell’Università Cattolica di Milano

 

 

ore 18.30

Per seguire la diretta streaming dell'incontro clicca qui