Marina Cvetaeva (1892-1941)
La sopravvivenza dell’umano

Una iniziativa a cura di Francesco Napoli

Martedì 31 maggio 2022, ore 21:00
Auditorium CMC Largo Corsia dei Servi, 4
diretta streaming canale YouTube e Facebook

“cosa farò, smisurata/ nell’impero delle misure?”
Marina Cvetaeva (1892-1941)
La sopravvivenza dell’umano
a cento anni dalla pubblicazione di Versi per Blok (1922)

partecipano
Maria Grazia Calandrone, scrittrice
Isabella Serra, poetessa e traduttrice

Con un contributo video da Mosca
Olga Sedakova poeta e scrittrice

Introduzione critica di
Roberto Galaverni, Corriere della Sera

coordina Francesco Napoli


Marina Cvetaeva (1892-1941)
Marina Cvetaeva, russa, grandissima anima e poetessa -inghiottita nel Gulag della Russia di Stalin, le cui sorti coinvolsero tutta la sua famiglia.
Donna innovativa e autentica è tra i poeti di riferimento nella poesia italiana del Novecento declinata al femminile, un esempio e una guida allo stesso tempo.
Ripercorrere giusto a cento anni dalla pubblicazione di Versi per Blok -da considerare l’opera sua di maggiore incisività e nitore – il suo cammino, umano e letterario, aprire un’ampia finestra sulla sua figura serve anche a mettere in luce una persistente frequentazione alla sua poesia ad opera della nostra poesia contemporanea.

Per la sua storia consigliamo questi due articoli:

https://www.lanuovaeuropa.org/percorsi-della-memoria/2021/07/29/luomo-ti-sorprende-sempre-memorie-dal-gulag/

http://www.destradigelagarina.it/UploadDocs/5242_Art_12_Turra.pdf


Il Ciclo POESIA AL … LARGO 2022
a cura di Francesco Napoli

C’è un momento della poesia italiana del Novecento, attorno agli inzii degli anni Settanta, in cui si assiste a una graduale ma continua crescita di attenzione verso la poesia anglofona e di culture dell’Europa centrale e orientale a scapito di quella francofona che fino a quel momento aveva dominato, attraverso i suoi portati, Simbolisti prima e Surrealisti poi. Questo avviene in un momento in cui la generazione allora in formazione (da Giuseppe Conte a Roberto Mussapi, da Milo De Angelis a Valerio Magrelli per ricordarne solo alcuni) cercava una risposta forte alla prevalenza della neoavanguardia, per dare alla poesia un nuovo “fare” e nuova “libertà”.

Con un grande Maestro come Mario Luzi, ma non solo lui, a mediare.

Quest’anno attraverso alcuni anniversari particolarmente significativi si vuole gettare una luce ulteriore su questo passaggio chiamando a testimoniare i protagonisti di allora, in una serie di incontri rivolti verso la Storia, ma che guardano con decisione verso il nostro mondo in divenire.

Pagina in aggiornamento…

Registrati ora

Tipo di biglietto

Poltrona Auditorium
93 rimasti
Quantità
Per biglietto Gratuito
Quantità Totale