Cosa resta dell’ uomo quando non è più capace di giudizio?
Come l’ essere umano esprime quella realtà misteriosa di cui è costituito, e che lo distingue in tutto l’universo, ma che non dipende – né si esaurisce – nei processi affascinanti e unici che la attuano.

con
Roberto Cavallaro, Responsabile “Centro Disturbi Psicotici” Fondazione San Raffaele del Monte Tabor
Mauro Ceroni, Docente di neurologia, Università degli Studi di Pavia

coordina
Sergio Barbieri, Direttore “U.O. Neurofisiopatologia”, Fondazione IRCSS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano


Approfondimenti
Invito
Comunicato Stampa
Testo dell'Evento
Audio dell'Evento

 


Lunedì 1 giungo 2020 h. 21.00

“L’involontaria rivolta dell’uomo consapevole della propria fragilità”
nei 50 anni dalla morte (1 giugno 1970)

Clicca qui per vedere il video

uno straordinario dialogo con alcuni poeti e critici letterari

Nicola Bultrini
, poeta e scrittore, Roma
Giuseppe Conte, poeta e scrittore, Sanremo
Roberto Galaverni, de “La Lettura” del Corriere della Sera, Berlino
Francesco Napoli, Mondadori, Milano
con letture dell’attrice Laura Piazza
e spezzoni del docufilm Rai di Gabrella Sica “Vita di un uomo”