giovedì 18 giugno h.21.00
In diretta streaming sul Canale YouTube del Centro Culturale di Milano
Facebook CMC e su questa pagina

dialogo sul libro di Eugenio Borgna
“Il fiume della vita – Una storia interiore
ed. Feltrinelli

con Adolfo CerettiLuca Doninelli
e l’Autore,

coordina Camillo Fornasieri

Adolfo Ceretti

Luca Doninelli

Eugenio Borgna

 

 

 

 

 

Event sponsor

VIDEO

Quanto gli incontri, gli avvenimenti, costituiscono una storia particolare che ci genera?
Questa è la scoperta coinvolgente e affascinante del “fiume della vita” l’autobiografia intellettuale che Eugenio Borgna ci dona, in un racconto che mostra l’intreccio struggente tra la vita e il pensiero.
Per la prima volta il grande il grande psichiatra si racconta, traccia un percorso tra il suo passato e il suo presente,
Ci fa vedere quel filo misterioso: l’ascolto dell’invito della realtà, tra libertà e rischio.
Un appuntamento, un gesto di condivisione un grande amico del Centro Culturale di Milano.

In questo libro Eugenio Borgna ricostruisce la propria storia, in un grande racconto dell’esperienza vissuta della psichiatria, vera protagonista di quest’opera, che rivolge il proprio sguardo all’interiorità di chi cura e a quella di chi è curato, l’una intrecciata all’altra in un dialogo infinito. Emergono ricordi nitidi dell’infanzia e dell’adolescenza: il ritorno alla grande casa paterna devastata dai tedeschi durante l’occupazione, la prima lettura di Thomas Mann e le poesie di Leopardi, il fascino della letteratura tedesca durante gli anni del liceo dai salesiani. La scoperta della neurologia a Milano, il lavoro al manicomio femminile di Novara. Poi la legge Basaglia cambia tutto e Borgna diviene il primario di psichiatria all’Ospedale Maggiore di Novara. Via via si spalanca davanti agli occhi dello studioso la vastità arcana e insondabile di esperienze umane di tristezza e angoscia, di attese e di speranze infrante, di ricerca di un infinito mai raggiungibile. La psichiatria diventa uno sguardo sulla vita delle emozioni e delle passioni, sulla fenomenologia del mondo sociale. E il racconto di una vita si rivela una narrazione vivida e struggente che mostra l’intreccio tra l’esperienza quotidiana e il pensiero, tra le vicende vissute e le idee.