La ginestra è una pianta, con fiori gialli, bellissimi.

Cresce tra i sassi, non teme il deserto, come dice Leopardi in uno delle sue ultime poesie a lei intitolata.

La Ginestra è uno spazio per continuare un incontro, messo a disposizione dal Centro Culturale di Milano, in un tempo in cui la città è solo nelle case, mentre gli ospedali, che nelle città sono sempre stati attivi e vigili, oggi sono insonni.

Uno spazio su Facebook e YouTube, dove vedere insieme delle “ginestre” cresciute, degli incontri, delle testimonianze, delle quali poter dire “non sapevo che mi interessava”.

La curiosità e l’intuizione per qualcosa che è cresciuto e non conosco, ci può spingere a vedere.

 vai sul Canale YouTube Centro Culturale di Milano
La Ginestra, per continuare un incontro

Fermatevi e sappiate che io sono Dio - Lettera dell’Abate Generale Giuseppe Lepori
Lettera dalla trincea - Di Amedeo Capetti, Ospedale Sacco di Milano, Il Foglio
Messsggio dal Meeting Point di Kampala, Matteo Severgnini e Rose Busingye
Lettera dell' Abate di San Miniato al Monte Bernardo Gianni al Corriere della Sera Fiorentino
Vita - Un medico d'urgenza ci scrive: «Ce la faremo, il Sistema sanitario nazionale ce la farà»
Avvenire - Coronavirus. Anna e gli altri, che portano il pane: perché la fame non va in quarantena
Il conforto do Don Camillo
Osservatore Romano - Qualcosa di segreto sopra di me, Intervista impossibile a Václav Havel - Ubaldo Casotto
Don Giuseppe Berardelli morto sul campo, da prete, ha rinunciato al respiratore per donarlo a uno più giovane

Proposta n.5

LE FORZE CHE MUOVONO LA STORIA. La battaglia è nel cuore dell’uomo
Fedor Dostoevskij
Lettura di Massimo Popolizio
dialogo con Tat’jana KAsatkina e Uberto Motta


Proposta n. 4

Ricostruzione: organizzare la società per obbiettivi di bene comune
Più governance non solo “governo”
Parla Stefano Zamagni
in dialogo con Camillo Fornasieri


Proposta n. 3 

Le Lettere a Olga di Vaclav Havel
La scommessa commossa di sè in relazione al mondo
con Andrea Carabelli
Prima puntata
Seconda puntata


Proposta n. 2

Uno dei più grandi intellettuali del ‘900, anzitutto e soprattutto poeta,  è Pier Paolo Pasolini, capace di abbracciare anche il nostro tempo.
Vi diamo una grande occasione: passare dal sentito dire a incontrarlo:
mettiamo a disposizione “Pasolini, il poeta che sfidò il nulla”, guardatelo!
Un Film-documentario realizzato da Fabrizio Sinisi, Matteo Bonanni, Andrea Carabelli, interamente girato nella Milano di oggi, nella piazze, grattacieli, chiese.
Ma in che senso Pasolini ha sfidato il nulla? Perchè vedeva sopraggiungere la sostituzione di un’umanità autentica e popolare con un individuo solo, senza appartenenza, soggetto e oggetto di consumo, di una libertà e felicità concessa da un potere tenocratico con l’anima sostituita dal Progresso.

E Pasolini che cosa ha opposto?
“Solo l’amare, solo il conoscere conta, non l’aver amato, non l’aver conosciuto. Dà angoscia il vivere di consumato amore. L’anima non cresce più”
(incipit de Il pianto della scavatrice – Le ceneri di Gramsci)


Proposta n. 1

Video è stata “Milano ha bisogno di perdono” Il perdono di Renzo. Con Gabriele Parrillo attore, Daniela Savoldi violoncellista e a seguire il dialogo con Stefano Boeri, Ferruccio De Bortoli, don Claudio Burgio,
Luca Doninelli.



Sempre sul Canale You Tube Centro Culturale di Milano, La Ginestra, per continuare un incontro

CONDIVIDI